• 2 Ottobre 2022 19:21

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

PlayStation VR, la grande sfida di Sony. Oculus Rift e HTC Vive devono aver paura? – International Business Times Italia

Ott 13, 2016

È il grande giorno di PlayStation VR. Ha sperimentato, ha promosso, ha presentato e ora Sony ha lanciato sul mercato il suo visore di realtà virtuale pensato unicamente per la sua console casalinga PlayStation 4. Un lancio importante per due motivi: altera gli equilibri del mercato console e si tratta di una scommessa tutt’altro che certa per l’azienda giapponese, che ha lavorato per anni sull’ex-“Project Morpheus” (com’era chiamato provvisoriamente).

Sin dal 2013, la società ha mostrato alla stampa i risultati dei suoi passi avanti nella realtà virtuale. Se Oculus Rift e HTC Vive, al momento i due portabandiera della VR per PC, hanno optato per un’esperienza a 360 gradi, per ovvi motivi Sony ha puntato tutto sui videogiochi e su un prezzo più modesto rispetto ad alcuni concorrenti: 399 euro, a cui si devono aggiungere i 69 euro di una PS Camera, accessorio obbligatorio.

LEGGI ANCHE:Amazon Gaming Week: migliori offerte 13 ottobre su videogiochi, console, monitor e SSD

Un risultato lo ha già ottenuto: il supporto e l’entusiasmo delle terze parti. Tante le aziende che hanno commercializzato un gioco in concomitanza del lancio o che prevedono di farlo nei prossimi mesi: Warner Bros. Interactive, Electronic Arts, Ubisoft, Capcom, 505 Games, Harmonix. Si cerca specialmente di cavalcare l’onda della novità. Sapremo i primi risultati commerciali di PlayStation VR solamente nelle prossime settimane e avremo un quadro finanziario più o meno preciso a gennaio, quando Sony presenterà la trimestrale di dicembre.

PlayStation VRDa sinistra: il modello “slim” di PS4, PS4 Pro e PlayStation VR REUTERS/Kim Kyung Hoon

Nel frattempo, le recensioni internazionali hanno dipinto un visore non certo perfetto (d’altronde se Rift e Vive costano almeno 700 euro un motivo, a livello tecnologico, c’è), ma che può raggiungere gli appassionati grazie a un prezzo più competitivo pur offrendo un’esperienza di realtà virtuale più che sufficiente e godibile. Il problema più grande del lancio è probabilmente la mancanza di una vera “killer application” che possa giustificare il prezzo del biglietto.

Ci sono tanti titoli ripresi da serie popolari, come Star Wars Battlefront: X-Wing VR Mission o Batman: Arkham VR, ma sembrano più demo che mostrano “cosa potete fare con questo visore” piuttosto che esperienze vere e proprie. Possono essere equiparati ai giochi di lancio di una console: buoni, ma il consumatore veterano sa bene che il meglio arriverà solo dopo mesi (o anche anni) di sperimentazione con l’hardware.

Al lancio, saranno disponibili diversi giochi: Rez Infinite, PlayStation VR Worlds, Hustle Kings, Rigs: Mechanized Combat League, Battlezone VR, Until Dawn: Rush of Blood, Eve: Valkyrie, Eve: Gunjack, Rollercoaster Dreams, Thumper, Driveclub VR, Super Stardust Ultra VR, Tumble VR, Hatsune Miku VR: Future Live, Carnival Games VR e Harmonix Music VR.

Altri produttori si sono invece focalizzati sugli accessori. Bigben Interactive, ad esempio, ha lanciato un kit che include: supporto per PS Camera, salviettine igieniche, panno in microfibra, cavo doppio per ricaricare due pad PS4 contemporaneamente e cover per le lenti del visore. Una soluzione molto generica, ma è chiaro che, come ai tempi di Wii, molte società potranno sbizzarrirsi con accessori di vario genere per questa nuova piattaforma.

PLAYSTATION VR CONTRO RIFT E VIVE: GIUSTO CONFRONTARLI?

Rift e Vive devono aver paura? Il mercato della realtà virtuale seguirà gli stessi schemi degli altri segmenti dell’elettronica di consumo e si dividerà in tre fasce: chi vuole il meglio, chi non è disposto a spendere troppo ma vuole un buon compromesso tecnologico e chi, infine, si accontenta della soluzione più economica. E allo stesso modo di smartphone e tablet o computer, dispositivi come Samsung Gear VR e Google Daydream, il cui costo non supera 200 euro, saranno comunque preferiti.

LEGGI ANCHE:Nintendo NX potrebbe costare quanto PS4: indiscrezioni su giochi, risoluzione e streaming 4K

Oculus RiftRift costerà 699 euro in Italia, ma non è ancora stata annunciata la data di uscita per il nostro mercato. Reuters

Per quanto riguarda i videogiochi, però, supportano prevalentemente i giochi Android per smartphone, che, salvo rarissimi casi, non offrono un’esperienza ludica completa e longeva. Di conseguenza, all’utente interessato ai videogiochi restano due opzioni: un compromesso ideale tra qualità e costi come PlayStation VR (parliamo comunque di almeno 460 euro circa per iniziare a giocare se già avete PS4) o il meglio del meglio come Oculus Rift (più adatto per stare seduti e giocare) o HTC Vive (che invece sposa bene spazi ampi grazie alle sue caratteristiche di tracciamento della posizione).

Due utenze diverse, due esigenze commerciali. Tornando alla domanda, la risposta è: sì, PlayStation VR ruberà della fetta di pubblico videoludico ai due rivali e no, Rift e Vive non devono “tremare” perché si pongo obiettivi un po’ più ambiziosi.

In particolare con Rift, Facebook e Oculus hanno un programma ben più ampio e lungimirante, che non include solamente i videogiochi. Si parla di social VR, di innovare le interazioni e la multimedialità generica (condividere filmati e foto, ad esempio, in una stanza virtuale). Tutte funzionalità che PlayStation VR non possiede. Sarebbe come confrontare due auto diverse, una sportiva e una familiare: non ce n’è una migliore in sé e per sé, ma ci sono due risposte commerciali a due esigenze (economiche e non solo) diverse.

Quel che è certo, invece, è che PlayStation VR offre ora un’opzione abastanza economica a chi è interessato a sperimentare i giochi in realtà virtuale. Il consumatore deciderà poi se il compromesso qualitativo rispetto ai rivali vale la proverbiale candela.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close