• 7 Ottobre 2022 23:43

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Nintendo Switch lascia finalmente a casa le famiglie: 10 domande sulle informazioni mancanti – International Business Times Italia

Ott 21, 2016

Nintendo Switchsarà la nuova console della casa giapponese, disponibile da marzo 2017. Una console modulare, che può essere fruita sia in salotto che fuori casa, grazie allo schermo e pad estraibili. Adatta a una vita impegnativa, a chi è fuori casa ma che magari non vuole rinunciare al proprio titolo tripla A. Se ci pensate, nessun grande produttore di console ci aveva mai pensato. O meglio, ci sono esempi di device cinesi molto simili come concept, ma di certo non hanno le IP di Nintendo.

Nintendo Switch è quello che doveva secondo noi essere Wii U sin dal principio, ma conta poco. L’importante è che Nintendo abbia capito la centralità del gioco mobile, e dopo il grande successo di Pokémon GO ha presentato una console adatta praticamente a tutti i contesti e dalle infinite possibilità.

Ma dal video di presentazione emerge un dato, magari provvisorio fino al prossimo video, su dove vuole andare Nintendo: dove sono le famiglie felici? Dove sono gli anziani con i loro bei controller in mano? Dov’è tutta la retorica “Family Computer” che ci ha accompagnato negli ultimi trent’anni di comunicazione Nintendo? Questa sembra essere (finalmente) sparita, sostituita però con un’altra che mira a colpire un pubblico realmente di massa, con il suo epicentro: i millennials, disposti magari a spendere per una console in linea con le proprie abitudini di vita e lavoro.

Chi è il giocatore tipo di Nintendo Switch visto nel video? Un ragazzo nella sua grande casa (ok questo non è proprio realistico, è marketing) col suo cane che non rinuncia a giocare anche quando deve portarlo a spasso. Una giovane donna che gioca tranquillamente nella sua casa un po’ rétro, chiamata dagli amici sul tetto di fronte. Stacca lo schermo di Switch e lo porta con sè, ma ci gioca assieme agli amici. Insomma non si vede l’ombra di un bambino (o di un anziano) nel video di presentazione di Nintendo Switch, sostituito dal giovane adulto indaffarato ma che non rinuncia all’intrattenimento targato Nintendo, sia a casa che fuori.

Ma dal trailer di annuncio di Nintendo Switch, anche se è stato mostrato parecchio, emergono tantissime domande che per ora non hanno ricevuto risposta. Ecco cosa sappiamo, e soprattutto cosa vorremmo sapere di Nintendo Switch.

20-nintendo-switchNintendo Switch Nintendo

C’è un Touchscreen sullo schermo-controller?

No, da come i vari giocatori-tipo lo usano nel video. Ma ricordiamo che esiste 3DS e che il Gamepad di Wii U è touchscreen, quindi Nintendo ha già una tradizione di controller con touch integrato. Per ora non possiamo confermarlo dato che non è stato ufficializzato, nel video si vedono molto di più i vari utilizzi dei Joy-Con, le due parti di controller estraibili per giocare da solo o in multiplayer, mettendo il piccolo pezzo in orizzontale. Ma lo diciamo subito, non introdurre un touchscreen sarebbe una follia.

Nintendo_Switch_1Nintendo Switch Nintendo/Youtube

C’è una penna Stylus?

Nemmeno questa è stata mostrata in video. Il pennino è un’altra tradizione per le periferiche Nintendo, da 3DS al Gamepad di Wii U. Ma da quanto vediamo non è stato mostrato nemmeno l’alloggio, oltre chi un touchscreen su cui dovrebbe funzionare il pennino.

Sarà retrocompatibile e region free?

Nintendo Switch userà le cartucce chiamate GameCards per i suoi giochi, così come lo fanno DS e 3DS. Ma ci sono delle differenze fisiche per queste cartucce, quelle per Switch sembrano più lunghe e larghe delle controparti DS e 3DS, e sono simili a delle SD card. Da notare, e questo è importante, che non tutte le console Nintendo hanno avuto la possibilità di poter far giocare i giochi della console precedente, soprattutto quando il nuovo sistema prevede che i giochi siano distribuiti su un differente formato. Wii U era retrocompatibile con i giochi Wii, dato che tutte e due usavano i dischi come supporto. Il Gamecube non era retrocompatibile con Nintendo 64, dato che il primo usava piccoli dischi, mentre il secondo le cartucce. C’è pur sempre la Virtual Console per una sorta di retrocompatibilità digitale, questa potrebbe essere una possibilità.

Aggiornamento ore 15:41: Famitsu ha parlato direttamente con Nintendo sulla questione retrocompatbilità. Nintendo ha detto che Switch non è il successore nè di Wii U nè di 3DS. E soprattutto non sarà retrocompatibile con nessun sistema: “Nintendo Switch non sarà in grado di far girare i giochi Wii U su disco o le cartucce 3DS”. Questo, come già detto, non esclude del tutto la possibilità di poter avere i vecchi giochi su Virtual Console. Nintendo non ha voluto rispondere sull’autonomia della batteria.

Nintendo_Switch_11Nintendo Switch Nintendo

Ci sono report che vogliono Nintendo Switch come una console priva di restrizioni regionali, a differenza di Wii U e Nintendo 3DS. Sarebbe perfetto per coloro che amano giocare titoli di importazione, anche se Nintendo per ora non ha confermato nulla di tutto questo.

Ci saranno app come Netflix?

Le capacità di riprodurre video in streaming non sono state mostrate ma noi siamo fiduciosi. App come Netflix, Youtube o Twitch ci saranno sicuramente, dato che anche Wii e Wii U lo permettono.

Ok, ma il prezzo e la data di uscita?

Il prezzo di Nintendo Switch per ora rimane segreto. Wii U al lancio costava 350 euro circa per la deluxe edition. Possiamo azzardare: una versione base con solo console, quindi dock, schermo e Joy-Con a 299 euro, versione “deluxe”, o come la chiameranno, compresa tra i 300 e i 400 euro. L’uscita è fissata per marzo 2017, anche se ancora non c’è una data precisa.

Quali saranno i giochi di lancio?

Sappiamo che The Legend of Zelda: Breath of the Wild uscirà al lancio della console. Per tutti gli altri titoli Nintendo darà annunci in seguito. La casa giapponese ha dichiarato che è attualmente al lavoro su giochi per Switch ci sono decine di studi, e contemporaneamente nel trailer si vedono nuove versioni di Super Mario, Splatoon, Mario Mart e addirittura The Elder Scrolls V: Skyrim, insieme a un gioco di basket. Ci sono rumor che vorrebbero un nuovo gioco dedicato ai Pokémon in sviluppo, e Square Enix ha confermato che Dragon Quest 11 uscirà su Switch. Anche Ubisoft ha confermato un titolo, Just Dance 2017.

I partner di Nintendo SwitchAlcune delle società di terze parti che svilupperanno per Switch Nintendo

A quanto ammonterà l’autonomia della batteria?

Non lo sappiamo, anche se possiamo immaginare che titoli tripla A richiedano una grossa potenza per essere avviati e giocati. Sappiamo che il processore sarà un Tegra in versione custom, alcuni azzardano che sarà simile al Tegra X1, ma non si conosce quanta RAM avrà, a quanto ammonteranno i mAh della batteria, oltre a tutto il resto della scheda tecnica. Nel frattempo però è stato confermato che il dock dove inserire lo schermo e controller fungerà solo da stazione di ricarica e output per collegarlo alla televisione. Una scelta felice, totalmente speculare rispetto a Wii U: se quest’ultimo teneva tutto nella “scatola” da mettere in salotto e deputava i comandi al GamePad da tenere solo a casa, Nintendo Switch sposta tutto l’hardware nel tablet da trasportare anche fuori casa, con il dock posizionato vicino al televisore a fare da stazione di ricarica.

I Joy-Con avranno il motion control come Wii?

Nintendo_Switch_16Il controller Pro Nintendo/Youtube

Nel video di presentazione non abbiamo visto nulla basato su un movimento specifico. Probabile che i Joy-Con offriranno una tecnologia simile, anche se, come detto, Nintendo si sta allontanando dal concetto di “Family computer” adottato con Wii e Wii U.

Quali accessori sono previsti?

Ecco quali accessori avrà Nintendo Switch: un dock per la componente portatile, un device portatile simile a un tablet, i due Joy-Con applicabili ai lati del tablet, il controller Pro Joy-Con finalmente con le leve analogiche asimmetriche.

Nintendo_Switch_18Joy-Con Nintendo/Youtube

Quando sapremo di più su Nintendo Switch?

Tra qualche mese, purtroppo, Nintendo dovrebbe avere la bocca cucita fino alla fine del 2016. A meno che non trapelino nuove indiscrezioni.

Nintendo: no more official announcement would come this year on 1) game titles 2) spec details, including region-lock status.

— Takashi Mochizuki (@mochi_wsj) 21 ottobre 2016

Nintendo-SwitchNintendo Switch Nintendo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close