• 1 Luglio 2022 10:34

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

‘Ndrangheta, 26 arresti. Si squarcia la rete del “supremo”

Nov 15, 2016

La rete del “supremo” di ‘ndrangheta perde ancora pezzi. Questa volta – con l’operazione Sansone in corso nella provincia di Reggio Calabria – sono infatti 26 gli uomini della cosca fermati con l’accusa di associazione mafiosa.

Gli uomini del Ros guidati dal colonnello Leandro Piccoli, lo squadrone eliportato Cacciatori Calabria e l’8 nucleo elicotteri Carabinieri di Vibo Valentia stanno infatti eseguendo i fermi su delega del pm Giuseppe Lombardo della Dda di Reggio.

L’indagine ha permesso di ricostruire la rete dei fiancheggiatori del capo mafia Domenico Condello, detto Micu ‘ u pazzu, condannato all’ergastolo, cugino del “supremo” Pasquale Condello. Quando il 10 ottobre 2012 Domenico Condello venne arrestato a Reggio Calabria, dopo oltre 20 anni di latitanza, i Carabinieri ebbero la consapevolezza di aver tolto di mezzo l’ultimo leader di peso della cosca.

A distanza di quattro anni giunge un nuovo e importante colpo che riveste di nuova luce anche quanto accaduto il 13 aprile di quest’anno in video conferenza nel corso del processo di appello dell’indagine Meta a Reggio Calabria. Il “supremo” si presentato all’udienza con un abbigliamento “pre” ed uno “post” messaggio visivo in video conferenza.

Il “pre” – stoppato dalla polizia penitenziaria – era fatto di abiti stracciati e lisi e un sacchetto di spazzatura in mano. Il “post” di abiti pinti e lindi.

Condello sapeva che sarebbe arrivato il doppio messaggio: “pre” e “post” sceneggiata. Dunque il “pre”, zozzo e sporco, potrebbe rappresentare una situazione di drammatico disagio che sta vivendo la sua cosca e che questa operazione sembra confermare.

Il “post” potrebbe rappresentare il ritorno, lindo e pinto, al “bengodi” ‘ndranghetistico solo che siano (o fossero) tolti di mezzo gli ostacoli che stanno rendendo complesso da troppo tempo il suo cammino glorioso.

r.galullo@ilsole24ore.com

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close