• 23 Giugno 2021 22:15

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Milano, Atm si scusa con l’anziana ferita mentre saliva sul tram. “Abbiamo sbagliato a chiedere i danni”

Ott 25, 2017

Alla fine ha vinto la signora Annamaria Tammone. Atm rinuncia a incassare gli 836,10 euro che aveva chiesto alla 76enne, che si ferì nel tentativo di salire sul tram 9. L’incidente causò ritardi sulla linea. A pretendere la somma per l’interruzione di pubblico servizio era stato l’ufficio legale dell’azienda. Ma l’indignazione della donna che si sentiva “vittima di una beffa oltre ad avere subito un danno” – sostenuta dal figlio, l’avvocato Fabio Cesare – ha spinto Atm a studiare la pratica in modo più approfondito e ammettere l’errore.

La scelta di non rifarsi sulla signora, che inciampando alla fermata nel tentativo di prendere il tram si ruppe un braccio, è comunicata dall’azienda con una nota. “Ogni anno gestiamo in media 2.500 pratiche per interruzione di pubblico servizio – si legge -. In questa situazione c’è stata un’errata valutazione: si doveva considerare il caso come un malore e sarebbe dovuto valere il principio della involontarietà della persona. Per questo, si è deciso di “ritirare la richiesta di risarcimento”.

Dopo l’incidente, avvenuto nell’aprile scorso all’incrocio fra via Ripamonti e viale Sabotino, i tram sulla linea non poterono transitare per 135 minuti. A raccontare la vicenda fu Repubblica. Così Atm spiega l’errore, dal punto di vista burocratico: “Ogni interruzione a cui è riconosciuta una chiara negligenza da parte di un utente, come nel caso di un’auto parcheggiata sui binari del tram, l’azienda chiede un risarcimento dei danni. Il caso della signora è stato erroneamente trattato come, appunto, ‘negligenza’ e per questo è partita la procedura di richiesta danni”.

Oltre ad ammettere il disguido, Atm si dichiara “molto dispiaciuta per l’accaduto. Non è nello stile dell’azienda quello di avere un atteggiamento, come è stato definito, vessatorio o punitivo. Anzi, Atm ascolta i propri clienti e

i cittadini e consideriamo questo episodio come un caso spiacevole, ma isolato”. Scuse accettate dalla signora Tammone, che ieri sera ha incontrato il presidente di Atm Luca Bianchi. E che però rilancia: “Spero che il mio caso spinga Atm a rendere più sicuri i mezzi e le fermate per le persone anziane. E in generale per chi ha problemi a compiere movimenti impegnativi come salire sui gradini di accesso al tram. Molte amiche hanno avuto disavventure simili alla mia”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close