• 6 Dicembre 2021 15:54

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

L’Ue pensa a un Interrail gratuito per tutti i 18enni

Ott 5, 2016

L’Interrail, il viaggio in treno tra i confini europei, potrebbe diventare gratuito. Scavalcare i confini tra i Paesi, per viaggiare, studiare o lavorare, una delle pi grandi conquiste dell’Europa, soprattutto per i giovani. E cos proprio per riscoprire questo spirito, in tempi difficili per l’Europa sempre pi divisa tra muri e barriere, il Parlamento Ue ipotizza l’Interrail come regalo per i diciottenni, forse un sogno per i pi giovani, e discute sull’idea di rendere gratuito il biglietto per viaggiare attraverso pi paesi al compimento dei diciotto anni per tutti i giovani Ue . Il costo attualmente di un biglietto pu variare tra i duecento e i quattrocento euro, e sarebbero 300mila i giovani che ogni anno lo acquistano.

Secondo Manfred Weber, leader dei Popolari Ue a Strasburgo in un dibatto tra Commissione Ue e eurodeputati riuniti in plenaria, questo sarebbe un bel modo per incentivare lo spirito Ue tra i giovani e rendere un paese vicino, non solo vicino ma anche amico. Allo stesso tempo per non appare forse come una scelta prioritaria rispetto alla lotta alla disoccupazione giovanile che non pu essere dimenticata; andrebbero considerati i costi del progetto e essere sicuri, come ricorda la Commissione Ue, che si tratti di un’iniziativa la pi inclusiva possibile.

Estendere questo biglietto a tutti i giovani porterebbe sfide da analizzare attentamente per capire i potenziali costi , fonti di finanziamento e sua fattibilit burocratica. Si deve far in modo che sia accessibile a tutti i giovani e che sia una misura il pi inclusiva possibile, ha dichiarato Violeta Bulc, Commissaria ai Trasporti che ricorda anche che non tutti gli Stati membri hanno ferrovie che partecipano al programma Interrail e che quindi il progetto dovrebbe diventare un programma intermodale e non limitarsi solo ai biglietti ferroviari.

In questa fase per la Commissione non pu prendere ulteriori impegni e non voglio creare aspettativa- ha tenuto a precisare la Commissaria- Ci piace questa idea e presenteremo un rendiconto sulla sua fattibilit al Parlamento Ue il prima possibile. In merito al pass per l’Interrail intervengono in aula anche i socialisti: Se finalmente la Commissione e gli altri gruppi sono disposti a investire risorse per i giovani, noi siamo in prima fila. Anche se la proposta di Weber per un pass Interrail per l’Europa in regalo ai diciottenni riprende una proposta del gruppo S&D che proprio i Popolari non avevano accettato- lo dichiara l’europarlamentare Silvia Costa, presidente della Commissione Cultura al Parlamento europeo- La e-card, che permetter il riconoscimento dello status di studente europeo e del suo CV, certamente pu partire dai 18 anni di et e la facilitazione di viaggio Interrail pu essere uno dei servizi e delle prestazioni a cui si pu avere diritto: a questo punto per voglio il pacchetto completo dalla Commissione che mi dica non solo come i giovani possano accedere in modo facilitato ai trasporti ma anche come possano ottenere l’accesso a servizi e facilitazioni sulla base di accordi con le reti europee di musei, ostelli, servizi, librerie, cinema. Una vera agevolazione che aiuter gli studenti, soprattutto quelli con meno opportunit. Le proposte sono sul tavolo da tempo, ora ci aspettiamo dalla Commissione una risposta in tempi brevi.

Non a caso proprio in questa giornata la Commissione Ue presenta una comunicazione sui risultati della Garanzia Giovani. A tre anni di distanza dal lancio dell’iniziativa l’Italia riuscita a raggiungere solo il 10.5% dei Neet, i giovani che non lavorano e non studiano, il peggior dato con eccezione di Malta; in altri Paesi come la Francia e la Germania ne hanno raggiunti rispettivamente l’80% e il 60 per cento. Alcuni Stati avevano gi strumenti e strutture funzionanti, altri come l’Italia no, dove c’ stata la necessit di una grande riforma del lavoro, questo pu spiegare in parte lo scarso risultato riguardo ai Neet, speriamo che le riforme strutturali possano portare frutti che ancora non sono evidenti, ma intanto la cifra sulla disoccupazione giovanile si ridotta come in altri Paesi Ue- commenta la Commissaria al Lavoro Marianne Thyssen presentando i dati a Strasburgo- Ci sono anche dei risultati italiani positivi: la percentuale di giovani che hanno un lavoro o sono tornati a studiare dopo aver partecipato alla Garanzia Giovani tra le pi alte in Europa .

In Italia il 64% di coloro che ha preso parte a un programma a sei mesi dalla conclusione ha avuto accesso al mercato del lavoro o proseguito un corso di studi. Mentre la media Ue in tal senso del 34%. Il 72,4% ha ottenuto un’offerta di lavoro o formazione a quattro mesi dalla registrazione al programma. Rispetto al 2013 nel complesso i giovani disoccupati in Europa sono diminuiti di 1.4 milioni e i giovani senza lavoro che non frequentano corsi di istruzione sono 900mila in meno.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close