• 3 Luglio 2022 13:31

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

L’incubo inflazione su Wall Street, crollano tutti gli indici

Mag 18, 2022

AGI –  È durato poco il trend rialzista a Wall Street dove a farla da padrone sono tornate a essere le vendite, con gli investitori che continuano a temere gli effetti dell’inflazione sull’economia reale.

Il Dow Jones ha archiviato la terza seduta settimanale con una perdita del 3,56% a quota 31.493 punti, S&P 500 a -3,95% e 3.927 punti, mentre il Nasdaq ha lasciato il 4,73% a 11.418 punti.

L’aumento dell’inflazione, dunque, ma anche il perdurare del conflitto in Ucraina, i prolungati problemi nella catena di approvvigionamento, i lockdown senza sconti in Cina e le prospettive di un inasprimento delle politiche delle banche centrali sono tutti fattori che deprimono i mercati, sempre più allarmati dalle preoccupazioni per un rallentamento dell’economia globale.

Martedì il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato che la banca centrale statunitense continuerà a “spingere” sugli aumenti dei tassi fino a quando non vedrà l’inflazione scendere in un “modo chiaro e convincente”, non esitando a muoversi in modo più aggressivo se ciò non dovesse accadere (gli analisti scommettono su un aumento di 50 punti base a giugno e luglio).

Tracollo della grande distribuzione

Passando ai singoli titoli, un vero e proprio tracollo si è assistito tra le grandi catene di distribuzione che sono quelle che stanno facendo maggiormente le spese per la riduzione dei margini. Target, ottavo rivenditore al dettaglio Usa, è crollato del 24,87% dopo che l’utile del primo trimestre si è dimezzato a causa dei costi di carburante e trasporto.

Male anche gli altri big del settore come Walmart (-6,84%), Gap (-9,91%), Costco (-12,45%), Macy’s (-10,68%). Bagno di sangue sul Nasdaq dove Intel ha perso il 4,62%, mentre Apple ha lasciato il 5,64%, sui minimi di giornata.

Giù il petrolio

Il petrolio ha chiuso in calo al Nymex: il Wti ha perso il 2,50% terminando a quota 109,59 dollari al barile, il Brent ha terminato con una flessione del 2,50% a quota 109,11 dollari al barile. Le scorte di greggio negli Stati Uniti sono calate a sorpresa di 3,394 milioni di barili rispetto alla scorsa settimana, riporta l’Eia ricordando che la scorsa settimana erano aumentate di 8,4 milioni di barili. Penalizzati di conseguenza i titoli del comparto di riferimento: Chevron -2,56%, ConocoPhillips -2,37%, ExxonMobil –1,56%. Più contenuti, infine, i ribassi del settore Aerospace & Defence: L3Harris Technologies –1,54%, Lockheed Martin a -1,57% e Northrop Grumman –0,95%.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close