• 11 Agosto 2022 4:07

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Linate non teme la crisi Alitalia, le compagnie concorrenti già pronte a spartirsi gli slot e le rotte

Apr 26, 2017

L’ombra lunga della crisi di Alitalia torna ad allungarsi sugli aeroporti milanesi. Ma questa volta – contrariamente a quanto successo nel 2007 – i guai della ex-compagnia di bandiera non dovrebbero fare troppi danni sotto la Madonnina. Il Comune (preoccupato per una sforbiciata ai generosi dividendi della Sea) e la società di gestione degli scali hanno acceso un faro da qualche giorno sulla telenovela dell’aerolinea. Ma le prime conclusioni dei tecnici messi al lavoro sul dossier sono chiare: anche nella peggiore delle ipotesi – leggi il fallimento della società – i contraccolpi per le infrastrutture aeroportuali della città sarebbero relativamente limitati.

L’EVENTUALE CRAC

Malpensa, sedotta e abbandonata 10 anni fa da Alitalia, non avrebbe anzi quasi alcun danno. Anche perché la compagnia gestisce da lì solo tre voli, Tokio, New York e Abu Dhabi. Qualche grattacapo in più, in teoria, potrebbe averlo Linate. Non fosse altro perché la quota degli aerei con livrea tricolore al Forlanini è superiore al 55%. Un eventuale crac però – sono convinti in Sea – avrebbe effetti solo a brevissimo termine, visto che per rimpiazzare i voli – al netto di un’inevitabile stagione (almeno sei mesi) di stallo ci sarebbe solo l’imbarazzo della scelta: sul tavolo di Assoclearance l’autorità incaricata di gestire i diritti di decollo e atterraggio in Italia, ci sono quasi mille richieste per volare sul city- airport milanese. E una volta esperiti i tempi tecnici per la riassegnazione e per consentire alle compagnie di riorganizzare i loro operativi, Linate potrebbe tornare a registrare il tutto esaurito sulle piste.

A dare tranquillità a Palazzo Marino e alla Sea ci sono i numeri. Il vero colpo del ko Alitalia l’ha tirato a Milano nel 2007, quando ha deciso di smontare la sua presenza a Malpensa per fare di Fiumicino il suo ultimo hub. Gli effetti collaterali di quella decisione sono stati a suo tempo devastanti: i passeggeri allo scalo in brughiera sono crollati dai 23,8 milioni del 2007 ai 17,5 del 2009. Poi, un aereo alla volta, lo scalo ha recuperato terreno grazie prima alle low-cost (Easyjet da sola rappresenta il 31% dei passeggeri) e ora a una netta ripresa pure dei collegamenti intercontinentali. Nel 2016 i viaggiatori in transito ai check-in dell’ex-hub erano già 19,4 milioni.

TASSI IN CRESCITA

E quest’anno il traffico sta crescendo in modo esponenziale, con tassi largamente superiori alle due cifre sin da gennaio. Ad aprile il traffico è cresciuto addirittura del 22%. Volumi che non dovrebbero subire contraccolpi dalla crisi Alitalia visto che in quel mese il volume era pari solo all’1,3% del totale. Su Linate il discorso è appena più complesso. L’Alitalia non ha mai mollato il Forlanini. Anzi, ha fatto cassa affittando i suoi slot ai partner di SkyTeam (in modo un po’ autolesionista) per portare i passeggeri verso Parigi e Amsterdam. Rubandoli in sostanza ai suoi servizi intercontinentali da Roma. E ha difeso con i denti i suoi diritti di decollo e atterraggio, utilizzandoli quel tanto che bastava per non essere costretta a restituirli all’Authority.

IL CROLLO DELLA NAVETTA

A ridimensionare i servizi dell’aerolinea è stata negli ultimi anni solo l’alta velocità. La concorrenza del treno sulla Milano Roma ha pressoché dimezzato il traffico sulla navetta Linate- Fiumicino, scesa da 2,4 a 1,2 milioni di passeggeri annui.

Cosa succederà se il primo operatore al Forlanini salterà? Le ipotesi sono due: un singolo vettore (Lufthansa, scommettono i bookmaker) potrebbe rilevare le spoglie del gruppo. Con nel mirino proprio i preziosissimi slot che hanno in pancia a Fiumicino e al city-airport. Se invece si procederà a una vendita a pezzi, i diritti di decollo e atterraggio tornerebbero per la riassegnazione nelle mani di Assoclearance. Che li girerebbe ai concorrenti, con la priorità a chi già opera dallo scalo. Tempo sei-dodici mesi, garantiscono gli studi interni in Sea, e tutto tornerebbe come prima. Si vedrà se è davvero così e se non si rischia, come è successo con Malpensa,

di affrontare una traversata nel deserto (di viaggiatori) più lunga.

Linate, tra l’altro, ha in programma nei prossimi due anni un importante restyling per ammodernare le strutture e rifare la pista. E proprio le difficoltà di Alitalia, per assurdo, potrebbero consentire di accelerare i tempi. Magari programmando i lavori (che prevedono due mesi di chiusura) nel periodo in cui in teoria i contraccolpi del mini-dehubbing potrebbero essere maggiori.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close