• 11 Agosto 2022 4:31

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Derby: Tevere senza limiti e la Lazio si infuria

Apr 26, 2017

Fabrizio Patania

mercoledì 26 aprile 2017 09:26

ROMA – La polemica è ancora sotto traccia, gestita con discrezione da Lotito e dalla Lazio, ma l’irritazione è palpabile e nessuno la nasconde a Formello. La Questura ha autorizzato la vendita libera dei biglietti per la tribuna Tevere richiesta dalla Roma e scattata lunedì alle ore 16. Sono caduti i vincoli imposti dall’Osservatorio che negli ultimi anni, per motivi di sicurezza, aveva destinato il settore ad una sola tifoseria (quella di casa) limitando l’accesso agli abbonati e ai possessori della Tessera del Tifoso. Un passo avanti, verso il progresso e l’apertura degli stadi, sempre più blindati e complicati da raggiungere. Giusto, in questa ottica, fa sapere la Lazio, ma forse sarebbe stato meglio aspettare la prossima stagione. A Formello sottolineano la disparità di trattamento e ovviamente non si riferiscono all’incasso, ma al fattore campo. Nel derby d’andata, datato 4 dicembre, la tribuna Tevere era ancora soggetta a restrizioni e limitazioni e restò vuota, come poi è successo anche in occasione della doppia semifinale di Coppa Italia, da una parte e dall’altra. Non sarà e non potrà essere così domenica prossima, perché con la vendita libera non ci saranno solo gli abbonati e i tifosi “fidelizzati”, ma si potranno aggiungere i paganti. E lo stadio Olimpico si colorerà di giallorosso molto di più rispetto al recente passato.

Di fatto Inzaghi giocherà realmente in trasferta e solo con l’appoggio della Curva Nord. La differenza, a occhio nudo, si vedrà. La vendita libera e la possibilità di acquistare un tagliando senza essere in possesso di un abbonamento della Roma non impedirà, nelle prossime ore, a un qualsiasi tifoso laziale di entrare (volendo) in un Roma Store e acquistare un biglietto di Tevere. E anche su questo punto ci può essere una doppia chiave di lettura. Quanti laziali ci penseranno e lo faranno? La risposta è semplice: pochi, pochissimi.

Leggi il resto dell’articolo sull’edizione del Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close