• 4 Luglio 2022 11:08

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

La forbice dei mercati: con Trump si separano le strade di azioni e bond

Nov 14, 2016

MILANO – Ore 10:30. Si intensificano le vendite sulle obbligazioni, mentre si rafforza il dollaro e i mercati azionari cercano di consolidare i rialzi. E’ ancora l’onda lunga dell’elezione di Donald Trump alla presidenza Usa a caratterizzare queste giornate nervose sui mercati finanziari. Per la prima volta da gennaio, nota Bloomberg, i titoli americani a 30 anni hanno superato il 3% di rendimento: la spia di un movimento generalizzato che ha portato 1.200 miliardi di dollari a lasciare il comparto obbligazionario sulla prospettiva che le politiche economiche del Tycoon porteranno inflazione e rialzi dei tassi accelerati. Durante la scorsa settimana, le azioni hanno registrato una performance migliore di quella dei bond dal 4,8%: era dal 2011 che non si scavava un solco così grande tra le due diverse tipologie d’investimento. I listini europei trattano positivi: Milano sale dell’1,1% come Londra e Francoforte, Parigi aggiunge l’1,45%.

La forbice dei mercati: con Trump si separano le strade di azioni e bond

Effetti divaricati sui mercati, dopo l’elezione di Trump: salgono il dollaro e la Borsa di Wall Street (linee bianca e blu), scendono i titoli di Stato americani e i mercati emergenti (linee viola e arancione)

Condividi

A pagare il conto del generalizzato rincaro dei rendimenti c’è lo spread tra i Btp decennali e i corrispettivi Bund tedeschi: il differenziale si allarga a 177 punti base, mentre il rendimento dei titoli di Stato italiani supera il 2,1%. L’euro tratta sotto quota 1,08 dollari e tocca un minimo da 10 mesi: il biglietto verde avanza anche sullo yen e sul dollaro canadese, sulla scia dell’aspettativa che le misure in preparazione da parte di Donald Trump alimentino la crescita Usa e in vista di un possibile aumento dei tassi da parte della Fed. La moneta europea passa di mano a 1,0799 dollari, dopo un minimo da 10 mesi di 1,0773 toccato in precedenza. Sterlina in ribasso ma sopra 1,25 sul dollaro. Dall’Istat si registrano i dati sull’inflazione di ottobre, che torna in negativo, mentre nell’Eurozona arrivano le rilevazioni riguardanti la produzione industriale di settembre (agenda macro).

A Piazza Affari tiene banco la vicenda di Unicredit, fortemente acquistata sull’ipotesi di un matrimonio con SocGen.

Notizie agrodolci, in mattinata, per l’economia del Giappone: il Pil si è rafforzato più delle attese nel terzo trimestre, crescendo nel periodo luglio-settembre dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e del 2,2% su anno. Il dato annualizzato sale dallo 0,7% del trimestre precedente e ben oltre lo 0,9% atteso dal mercato. Malgrado i tre trimestri consecutivi di crescita del Pil, però, la ripresa dei consumi privati rimane fragile ad appena lo 0,1%. La Borsa di Tokyo ha chiuso in netto recupero, in un panorama asiatico contrastato: l’indice Nikkei ha guadagnato l’1,71%, mentre Shanghai ha segnato un rialzo dello 0,45% e Hong Kong ha chiuso in calo dell’1,37%. La produzione industriale in Cina è salita del 6,1% annuo ad ottobre, invariata rispetto al mese di settembre e in accelerazione dallo stesso mese scorso anno quando era salita del 5,6 per cento. Sempre a ottobre, le vendite al dettaglio sono aumentate del 10% in leggero rallentamento dal precedente +10,7% che gli analisti pensavano venisse confermato.

Sul fronte delle materie prime, il prezzo del petrolio è in leggera risalita: il Wti è quotato a 43,44 dollari (+0,03%), mentre il barile di Brent a 44,87 (+0,27%). Continua il calo dei prezzi dell’oro: il metallo con consegna immediata scende dell’1,1% a 1213 dollari l’oncia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close