LO SPAM (i messaggi non desiderati e spesso portatrici di virus e link fraudolenti) non colpisce più solo via email o sms ma ora infesta anche il calendario dello smartphone. Diversi utenti di iPhone segnalano nei giorni a ridosso di Black Friday e Cyber Monday un aumento di inviti indesiderati in agenda. Lo riporta il sito della Bbc. Un’esplosione improvvisa di inviti spam che non risparmia nemmeno gli italiani.

In una nota al sito iMore Apple si è scusata con gli utenti che hanno ravvisato il problema e ha affermato di essere al lavoro per “identificare e bloccare i mittenti” di questa ondata di spam. Gli utenti ricevono notifiche sull’iPhone per partecipare ad appuntamenti creati e mandati da siti “spazzatura” su eventi di vendita o promozioni, fasulle. Secondo un esperto intervistato dalla Bbc si tratterebbe di un problema legato ad iCloud, il sistema di Apple per conservare nel web diversi contenuti dei propri dispositivi, dalle note agli appuntamenti in agenda.

I siti fonte di spam spediscono inviti in modo casuale a enormi banche dati di indirizzi e-mail. Anche cliccare per rifiutare l’invito peggiora la situazione perché dimostra che quel destinatario è ‘attivo’ e potrebbe essere l’inizio per una maggiore ondata di notifiche. In rete oltre alle lamentele degli utenti diversi blog di settore hanno pubblicato dei vademecum per aggirare l’ostacolo: si può impostare la ricezione degli alert via posta elettronica e non come notifica sull’iPhone, così gli inviti indesiderati possono essere identificati come ‘spam’. Questa è però solo una misura ‘palliativa’: stoppa le notifiche ma non risolve alla fonte il problema.