• 8 Ottobre 2022 0:07

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Ilva, a Taranto il legale dei Riva in aula con la mappa delle case dei giudici: “Devono astenersi”

Ott 12, 2016

TARANTO – Il maxiprocesso ‘Ambiente svenduto’ sul presunto disastro ambientale di Taranto causato dall’Ilva non può essere celebrato davanti ai magistrati tarantini perché non hanno la serenità necessaria a giudicare in quanto anch’essi parte offesa dall’inquinamento. È la tesi esposta in aula dall’avvocato Pasquale Annicchiarico, difensore del gruppo Riva Fire, proprietario dello stabilimento siderurgico, e di Nicola Riva, l’ex presidente dell’Ilva imputato di disastro ambientale e avvelenamento di sostanze alimentari.

Per dimostrarlo l’avvocato si è presentato davanti alla Corte d’assise mostrando sei cartelloni sui quali ha contrassegnato tutti gli immobili della città in cui vivono o di cui sono proprietari magistrati di Taranto. “C’è una sentenza delle Sezioni unite di Cassazione – spiega l’avvocato Annicchiarico – che dice chiaramente che il processo va fatto in altra sede perché non c’è altro caso giudiziario in Italia in cui la fabbrica è così vicina alla città. Ci sono dirimpettai e vicini di casa di alcuni magistrati che sono costituiti parte civile nel processo. Se loro sono da considerare parti danneggiate dall’Ilva, allora lo sono anche i magistrati proprietari di immobili”.

Secondo l’avvocato molti giudici e pubblici ministeri vivono nel cuore della “nube tossica” che avrebbe causato, secondo l’accusa, danni agli immobili e danni da esposizione. La richiesta di rimessione, cioè di spostare il processo al tribunale di Potenza, era già stata presentata dai difensori dei 47 imputati (44 persone e tre società) in almeno altre tre occasioni. Prima e durante l’udienza preliminare, la Cassazione e la gup Wilma Gilli rigettarono la richiesta perché non era stata provata dalla difesa l’incompatibilità dei magistrati giudicanti. A luglio scorso nuova offensiva lanciata dalla difesa con la richiesta di spostare il maxi processo a Potenza per incompetenza funzionale. In quell’occasione fu la Corte d’assise a respingere.

La prova del presunto conflitto di interessi, spiega l’avvocato Annicchiarico “è nella mappa che abbiamo ricostruito e da cui si evince chiaramente che le abitazioni di diversi magistrati

si trovano a poche centinaia di metri dalla casa di persone che sostengono di essersi ammalate o aver subìto danni dall’Ilva”. L’avvocato Annicchiarico poi ha citato in aula un precedente a favore. Nella causa civile avviata dal Comune di Taranto contro l’Ilva per i danni da inquinamento il giudice Pietro Genoviva si è astenuto spiegando di essere obbligato proprio perché residente al quartiere Borgo, che si trova a meno di tre chilometri dal siderurgico.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close