• 16 Ottobre 2021 11:21

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

I quartieri? Riscoperti grazie a Facebook. A Milano il caso «social street»

Set 2, 2016

Le Social Street di Milano a settembre entrano nella fase della maturit: avranno infatti un primo riconoscimento ufficiale da parte dell’amministrazione comunale quando l’esordiente, nella nuova giunta, Assessorato alla Partecipazione organizzer un Forum a loro dedicato. Si terr una giornata di incontro e di confronto con gli amministratori e gli iscritti delle pagine Facebook, circa 27mila, che vorranno partecipare, per un momento di condivisione delle richieste delle zone da loro rappresentate. Sar il compimento della mutazione genetica delle social street intese nella loro funzione di segnalazione dei problemi di quartiere e nel ruolo di partecipazione attiva attraverso proposte e idee di intervento in quelle aree comuni che poi l’amministrazione e i municipi potranno sviluppare.

Sar una svolta per le social street, attualmente pi di 70 ma in costante aumento, dal traffico eterogeneo – talune hanno migliaia di iscritti, altre poche decine – e dalla funzione diversa: alcune poco pi che bacheche, altre evolutesi da piazze virtuali a piazze reali di confronto politico. Questa evoluzione e maturazione delle social street non poteva che interessare le istituzioni, proprio per la loro caratteristica di prossimit e radicamento sul territorio tale da essere considerate come fonti attendibili dello stato dei problemi di Milano. A contribuire alla transizione delle social street da puro intrattenimento a quello impegnato stato anche il fenomeno delle “Stories” in grado di ricreare quella rete sociale laddove la socialit era in via di estinzione.

Come si visto, stato un contributo importante sotto il profilo dell’aggregazione spontanea in citt come espressione di una ricaduta reale della connessione in rete. Con le “Stories” infatti si innescato uno “sharing” di informazione e competenze che andava ben oltre la cronaca spicciola della propria vita, collocandola a un livello di bene comune della citt. Sono momenti che possono essere utilizzati per scambiarsi informazioni di servizio anche tra persone che non si conoscono, specie nei periodi di ferie, per condividere l’idraulico di fiducia o il negozio ancora aperto e altro ancora. A seguito di un primo contatto in rete pu succedere che i membri della social street decidano in modo spontaneo e informale di incontrarsi di persona.

quello che accadr in modo pi sistematico e istituzionale a settembre col primo Forum, per stipulare un patto di collaborazione tra Comune e le Social Street in grado di esercitare una pressione politica sulla amministrazione comunale, come gi successo con i comitati di quartiere. Con la nascita dei municipi, che hanno pi deleghe sul territorio delle vecchie zone, naturale coinvolgere il pi possibile chi vive e conosce davvero ogni singolo spaccato di vita della citt. Senza temere che le social street perdano in spontaneit perch, come cantava il milanese doc Giorgio Gaber, Libert partecipazione.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close