• 29 Giugno 2022 21:08

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Scherma, sfilata degli azzurri al Coni: «Norcia nel cuore»

Nov 7, 2016

lunedì 7 novembre 2016 17:15

ROMA – Festa della scherma azzurra olimpica e paralimpica al Coni, con la premiazione al Salone d’Onore degli atleti di Rio 2016. In tutto, 4 medaglie olimpiche e 2 paralimpiche, dagli ori di Daniele Garozzo e Bebe Vio nel fioretto, agli argenti di Di Francisca (fioretto) e Fiamingo (spada), fino ai bronzi delle nazionali di fioretto paralimpico e spada maschile olimpico. L’occasione per rivedersi tutti insieme e ricordare gioie e delusioni vissute in estate a Rio. “L’Italia è prima nel medagliere olimpico della scherma con 125 podi, a nome di tutto lo sport dico grazie a voi atleti, ai tecnici, ai maestri, ai dirigenti e alle società. Siete, siete stati e rimarrete in eterno l’orgoglio dello sport italiano e non solo“, esordisce il presidente del Coni, Giovanni Malagò.

A fargli eco, il numero uno del Comitato paralimpico italiano, Luca Pancalli: “Quando la scherma è stata accolta dalla Fis la percezione che ho avuto è stata che la federazione voleva proprio occuparsene. Il mondo visto da dietro una maschera è lo stesso in piedi o su una carrozzina”. Un movimento, quello della scherma azzurra, fatto “di splendidi atleti che hanno onorato il nostro Paese in maniera costante. La scherma olimpica e paralimpica ha onorato il Paese e lo sta facendo con la coscienza di un movimento che conta. Finito l’ultimo quadriennio, pensiamo già a Tokyo 2020“, le parole del presidente della Fis, Giorgio Scarso, che presto riporterà i campioni azzurri a Norcia, casa del fioretto azzurro: “Siamo rimasti scioccati dal terremoto – le parole di Daniele Garozzo -, non vediamo l’ora di tornare in quella che è la nostra Coverciano. Siamo molto legati alla città e non vediamo l’ora di abbracciare gli abitanti. Lì ci sentiamo in famiglia siamo pronti a dare una mano”.

Nativo di Foligno, Andrea Santarelli, argento nella spada a squadre a Rio, ha confessato: “Ho casa vicino a Norcia e tanti amici lì. Capisco, perché anche io nel ’97 l’ho vissuto. È veramente brutto ma bisogna essere forti”. Mentre a Rossella Fiamingo “piange il cuore”, perché “sono luoghi che conosciamo bene – spiega l’argento olimpico nella spada – ci siamo allenati e ci abbiamo vissuto. Speriamo che si risistemi tutto presto, un pensiero alle famiglie”. Anche Elisa Di Francisca, oro a Londra e argento a Rio nel fioretto, esprime la sua vicinanza alle popolazioni terremotate: “Norcia è la nostra seconda casa. Conosco molte persone, ho parlato con loro e mi hanno spiegato la situazione. Gli siamo vicini . Dovremmo unirci tutti atleti e governo per aiutare queste persone in difficoltà“.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close