• 17 Settembre 2021 2:38

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Gli ortodossi “disertano” la messa del Papa. Ma lui rilancia: nessun proselitismo

Ott 1, 2016

TBILISI – dal nostro inviato. Una delegazione ortodossa avrebbe dovuto partecipare alla messa che il Papa ha celebrato nello stadio di Tbilisi, ma all’ultimo la delegazione stata ritirata. Alla fine – spiega il portavoce vaticano, Greg Burke – non hanno mandato i vescovi (del Patriarcato della Chiesa apostolica autocefala ortodossa georgiana, ndr) -. Il loro canone non prevede la preghiera insieme.

Con gli ortodossi mai si deve fare proselitismo

Alla celebrazione religiosa comunque, come racconta Burke, c’erano delegazioni di diverse confessioni. E c’era anche un monaco ortodosso, insieme al coro nazionale della Georgia, spiega ancora il portavoce vaticano che ricorda anche l’incontro emozionante di ieri tra il Pontefice e il Patriarca ortodosso Ilia II. Quindi alla fine non c’ stato un “incidente”, anche se il fatto segnala il clima di fondo di freddezza della potente chiesa ortodossa georgiana verso quella cattolica, nonostante l’abbraccio tra il Papa e l’anziano patriarca e le parole di reciproco affetto di ieri. E Bergoglio oggi ha rincarato: C’ un grosso peccato contro l’ecumenismo: il proselitismo. Mai si deve fare proselitismo con gli ortodossi, ha detto Papa Francesco durante l’incontro con il clero a Tbilisi. Sono fratelli e sorelle nostri, discepoli di Ges Cristo, e per le situazioni storiche tanto complesse siamo diventati cos. Sono loro, siamo noi, crediamo nel Padre, del Figlio, nello Spirito Santo. Crediamo nella Santa Madre di Dio, ha aggiunto. E cosa devo fare? Non condannare. Mai condannare un fratello e una sorella, mai smettere di salutarli perch ortodossi.

Il matrimonio oggi ha un grande nemico: la teoria del gender

Nella stessa occasione, “a braccio”, il Papa ha lanciato un messaggio molto forte sul tema della famiglia: c’ un grande nemico oggi del matrimonio, la teoria del gender, ha detto papa Francesco nel suo discorso di circa 40 minuti durante l’incontro con il clero a Tbilisi. Oggi c’ una guerra mondiale per distruggere il matrimonio – ha affermato rispondendo a una delle testimonianze, quella di una madre di famiglia -. Ma non si distrugge con le armi, si distrugge con le idee: ci sono colonizzazioni ideologiche che distruggono. Pertanto difendersi dalle colonizzazioni ideologiche.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close