• 21 Ottobre 2021 22:03

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Firenze, il ministro Franceschini: “Art bonus ai beni ecclesiastici colpiti dal terremoto”

Set 5, 2016

L’Art Bonus, cioè l’agevolazione fiscale per chi investe sul patrimonio artistico italiani, potrebbe andare anche ai beni ecclesiastici colpiti dal terremoto del 24 agosto scorso nel Centro Italia. . L’annuncio è stato dato dal ministro per i beni culturali Dario Franceschini a Firenze per un evento sul mecenatismo alla galleria degli Uffizi:”Stiamo lavorando per l’estensione delle donazioni dell’Art Bonus ai beni ecclesiastici colpiti dal terremoto”, ha detto Franceschini.

“La legge sull’Art bonus che è partita in forma sperimentale ha dato grandi risultati, è stata stabilizzata con la scorsa legge di bilancio e i numeri sono importanti sia per l’Italia che per Firenze”. All’evento, organizzato nell’aula di San Pier Scheraggio agli Uffizi, prendono parte, tra gli altri, il direttore della Galleria Eike Schmidt ed il sindaco di Firenze Dario Nardella. ” Noi vogliamo che questo sia soltanto l’inizio – ha aggiunto Franceschini – che nell’abitudine dei cittadini entri il crowdfunding, cioè la piccola donazione, per il sostegno al patrimonio della propria città; e, nell’abitudine delle imprese, vogliamo che entri la grande donazione, in modo che la valutazione sul bilancio sociale di un’impresa abbia come capitolo centrale anche quanto un’impresa destina al patrimonio culturale della propria città”.

Franceschini ha poi parlato anche della loggia di Isozaki, il progetto dell’architetto giapponese per la nuova uscita degli Uffizi vincitore di un concorso

bandito negli anni ’90 e mai realizzato. “Ne abbiamo parlato con il sindaco. E’ una scelta talmente importante che dovrà essere condivisa anche dalla città e dagli Uffizi. Presto daremo una risposta”, ha detto il ministro. La loggia è stata al centro di numerose polemiche legate all’estetica del progetto stesso. Alcune settimane fa il direttore degli Uffizi Eike Schmidt aveva sollecitato, al riguardo “risposte dal governo”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close