• 24 Gennaio 2022 20:12

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Fiorentina, Vlahovic sfratta Simeone

Lug 21, 2019

Finisce tre a zero per l’Arsenal una partita che per i primi quarantacinque minuti ha visto una Fiorentina all’altezza, nonostante molti giovani in campo e il gol subito in apertura, dopo 15′, da Nketiah che ha sfruttato un liscio di Cristoforo. Montella ha tenuto a riposo Federico Chiesa che, arrivato in ritiro non in condizione, ha lavorato molto finendo per pagare dazio con un affaticamento muscolare. Il tecnico ha mandato in campo da titolare Dusan Vlahovic, per testarlo: il giovane attaccante serbo, grande protagonista in allenamento, ha sfiorato due volte il gol, soprattutto nel finale di tempo quando di sinistro ha superato il portiere in uscita. Il pallone è uscito per centimetri. Vlahovic ha dato segnali positivi, anche come personalità e profondità, quelli che il suo sostituto, Giovanni Simeone, entrato negli ultimi venti minuti, non ha lanciato: l’argentino ha sbagliato l’ennesimo gol nel finale di gara. Rispetto al campionato scorso, il Cholito non ha cambiato passo, sembra aver accettato il suo ruolo di secondo piano. Bene Castrovilli, Ranieri e un Sottil molto più convinto nell’incidere. Saponara ha confermato di avere grande tecnica e visione di gioco, ma non il ritmo per giocare dietro le punte. Forse, venti metri più indietro e un ruolo più dentro al gioco potrebbe rappresentare un tentativo per salvarlo alla causa viola. Oltre alle individualità, poche ma consistenti, per quasi un’ora si è vista una Fiorentina armoniosa, decisa a giocare palla e a cercare il gol. Le due linee di difesa e centrocampo si sono mosse in sintonia nel primo tempo, per poi sfilacciarsi lentamente nella ripresa davanti allo strapotere fisico degli inglesi. In definitiva in campo, contro i giovani della squadra arrivata in finale di Europa League, la Fiorentina 2 e 3 non ha sfigurato. Da oggi, domenica, la Viola sarà a New York. E’ attesa da un evento nel Bronx per incontrare i tifosi e martedì da un giro in battello, attorno a Manhattan. Mercoledì la partita con il Benfica, che chiuderà la tournée americana.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close