• 29 Settembre 2022 19:27

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

F1, Gp Stati Uniti 2016: Rosberg vs Hamilton, ne vedremo delle belle

Ott 23, 2016
F1, Gp Stati Uniti 2016: Rosberg vs Hamilton, ne vedremo delle belle

Che si stiano allegramente sulle balle lo si era capito da tempo, ma l’indifferenza tra Hamilton, vincitore, e Rosberg, secondo, fa capire come il finale di stagione potrebbe essere non del tutto indolore. Nel corso degli ultimi anni qualcosa si era visto, ma ora i presupposti ci sono tutti. Perché Rosberg, a perdere, ha dimostrato classe. Hamilton, a perdere, no. E un campione lo si vede anche nel modo in cui accetta la sconfitta.

Invece nella testa di Lewis c’è lui, solo lui e gli altri di rincalzo. Insomma, è uno che non ha rispetto degli avversari perché sa di essere indubbiamente talentuoso. E vedere Nico, che nel corso degli anni è stato strapazzato, là davanti, ebbene è elemento che lo infastidisce, lo manda in bestia e gli fa fare cose che potrebbe risparmiarsi. Da qui le paturnie su presunti sabotaggi, su reclami idioti e via di questo passo.

A tre gare dalla fine e 26 punti di vantaggio, Rosberg sa che è la grande occasione, buttare via questo patrimonio dopo una stagione come questa sarebbe un errore gravissimo. Insomma, ne vedremo delle belle e ora che il mondiale costruttori è stato assegnato da tempo alla Mercedes, potrebbe capitare di tutto. Anche che uno dei due, a fine anno, se ne vada per altri lidi schifato dalla lunga convivenza. Fin qui il pianeta Mercedes, del resto poco da dire.

La Ferrari inesistente, Vettel quarto è il frutto di due ritiri, quello di Raikkonen e Verstappen. Ma per il resto confusione totale, gomme scelte a caso o quasi, dalle rosse alle bianche passando per le gialle, pit stop disastroso per Kimi, che si ferma e rischia la penalizzazione per un errore che ha innervosito i meccanici al box

Ricciardo dimostra di essere sempre più concreto e deciso, avesse una macchina migliore se la giocherebbe con quei due là davanti. La Ferrari inesistente, Vettel quarto è il frutto di due ritiri, quello di Raikkonen e Verstappen. Ma per il resto confusione totale, gomme scelte a caso o quasi, dalle rosse alle bianche passando per le gialle, pit stop disastroso per Kimi, che si ferma e rischia la penalizzazione per un errore che ha innervosito i meccanici al box. Brutta cosa se si dovesse rompere anche l’armonia degli uomini addetti alle operazioni, sarebbe davvero la fine.

E poi Kimi in gara è stato superiore a Vettel, che ci ha pure farcito una uscita di pista sul finire. Insomma, c’è da lavorare e stringere i denti. Non è una novità come non lo è Alonso, quinto dopo due sorpassi da paura a Massa e Sainz sul finire, specialmente cattivo nel primo caso con i commissari riuniti per decidere il da farsi. In ogni caso col ferro da stiro che si ritrova, appena ha visto l’occasione per portare a casa dei punti, Alonso non si è tirato indietro. Il resto, solita noia, solita routine, niente di nuovo da dire e meno male che ne mancano tre di gare alla fine, perché ormai sta diventando una sofferenza ad ogni week end…

1di 29

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close