• 19 Giugno 2021 10:57

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

“Entusiamo ed equilibrio”, i segreti dell’Italia di Mancini secondo Domenghini

Giu 11, 2021

AGI – La sua punizione passò in mezzo alla barriera e gonfiò la rete, consentendo all’Italia di raggiungere il pareggio contro la Jugoslavia. Era la finale dell’Europeo 1968. La partita si rigiocò due giorni dopo e gli azzurri si imposero per 2-0, vincendo l’unico Europeo della loro storia. A calciare quella punizione fu Angelo Domenghini, ex ala dell’Inter e della nazionale, che ha parlato all’AGI di quell’Europeo di 53 anni fa e di quello che prenderà il via oggi.

L’Italia di Roberto Mancini, secondo Domenghini, “è una nazionale molto forte in qualsiasi reparto: offensivamente, in mezzo al campo e in difesa”. Due parole per descriverla? “Equilibrio ed entusiasmo. I risultati stanno dando ragione a Mancini, ci sono giocatori giovani e sono rimasti i vecchietti che danno tanta esperienza”.

Le nazionali favorite per la vittoria “sono parecchie: la Spagna, la Germania, la Francia, l’Inghilterra, l’Olanda, e ci siamo anche noi. Ce la giocheremo”. Insomma, “l’Italia è una delle favorite ed è importante partire col piede giusto, già dalla prima partita” questa sera contro la Turchia. Il giocatore di questa nazionale che Domenghini preferisce è “Nicolò Barella. È nato per giocare a calcio, ha qualità incredibili ed è un giocatore a tutto campo, che corre per 90 minuti”.

Del 1968, invece, Domenghini ricorda “l’entusiasmo che avevamo, l’orgoglio di indossare la maglia azzurra”. Senza la sua punizione, che fissò sull’1-1 il risultato nella prima finale contro la Jugoslavia, l’Italia avrebbe ancora zero Europei nel suo palmares: “Ho preso la rincorsa, ho chiuso gli occhi e ho tirato forte. Ho avuto fortuna, la palla è passata in mezzo alla barriera. In quella partita la Jugoslavia meritava di vincere”. Poi due giorni dopo “abbiamo ribaltato tutto perché il ct Valcareggi ha cambiato diversi giocatori”, e la partita è finita 2-0. “Eravamo – conclude Domenghini – un gruppo unito, ma poi sono i singoli giocatori a fare la differenza. Se non ci fossero giocatori forti, non si vincerebbe”. 

AGI – La sua punizione passò in mezzo alla barriera e gonfiò la rete, consentendo all’Italia di raggiungere il pareggio contro la Jugoslavia. Era la finale dell’Europeo 1968. La partita si rigiocò due giorni dopo e gli azzurri si imposero per 2-0, vincendo l’unico Europeo della loro storia. A calciare quella punizione fu Angelo Domenghini, ex ala dell’Inter e della nazionale, che ha parlato all’AGI di quell’Europeo di 53 anni fa e di quello che prenderà il via oggi.
L’Italia di Roberto Mancini, secondo Domenghini, “è una nazionale molto forte in qualsiasi reparto: offensivamente, in mezzo al campo e in difesa”. Due parole per descriverla? “Equilibrio ed entusiasmo. I risultati stanno dando ragione a Mancini, ci sono giocatori giovani e sono rimasti i vecchietti che danno tanta esperienza”.
Le nazionali favorite per la vittoria “sono parecchie: la Spagna, la Germania, la Francia, l’Inghilterra, l’Olanda, e ci siamo anche noi. Ce la giocheremo”. Insomma, “l’Italia è una delle favorite ed è importante partire col piede giusto, già dalla prima partita” questa sera contro la Turchia. Il giocatore di questa nazionale che Domenghini preferisce è “Nicolò Barella. È nato per giocare a calcio, ha qualità incredibili ed è un giocatore a tutto campo, che corre per 90 minuti”.
Del 1968, invece, Domenghini ricorda “l’entusiasmo che avevamo, l’orgoglio di indossare la maglia azzurra”. Senza la sua punizione, che fissò sull’1-1 il risultato nella prima finale contro la Jugoslavia, l’Italia avrebbe ancora zero Europei nel suo palmares: “Ho preso la rincorsa, ho chiuso gli occhi e ho tirato forte. Ho avuto fortuna, la palla è passata in mezzo alla barriera. In quella partita la Jugoslavia meritava di vincere”. Poi due giorni dopo “abbiamo ribaltato tutto perché il ct Valcareggi ha cambiato diversi giocatori”, e la partita è finita 2-0. “Eravamo – conclude Domenghini – un gruppo unito, ma poi sono i singoli giocatori a fare la differenza. Se non ci fossero giocatori forti, non si vincerebbe”. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close