• 21 Maggio 2022 7:38

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Sørloth, il calciatore scandinavo più pagato nella storia

Feb 28, 2018

Stefano Chioffi

giovedì 1 marzo 2018 00:34

ROMA – Zlatan Ibrahimovic rimane il grande ambasciatore del calcio scandinavo, ma dall’inizio di febbraio c’è un norvegese che si è preso le prime pagine dei giornali locali: si chiama Alexander Sørloth, è un centravanti, ha ventidue anni, è nato sui fiordi di Trondheim ed è diventato – a quelle latitudini – il giocatore più pagato nella storia del mercato. Dieci milioni di euro, più altri otto di bonus. A mettere il timbro sull’operazione, il 31 gennaio, sono stati il Midtjylland e il Crystal Palace di Roy Hodgson, che chiede aiuto a questo gigante di un metro e 94 per evitare la retrocessione del club londinese, quart’ultimo in classifica e in grave crisi. Giocava nel campionato danese, aveva segnato dieci gol in diciannove partite. Ora è sbarcato in Premier League per aiutare l’ex tecnico dell’Inter (subentrato lo scorso 12 settembre a Frank De Boer) a uscire dal tunnel: solo due punti conquistati in cinque giornate.

IL CONTRATTO – Sørloth è la carta scelta nel mercato invernale da Hodgson, che ha guidato dal 2012 al 2016 anche la nazionale inglese, per riaccendere il motore di una squadra che ha accusato una preoccupante flessione nell’ultimo mese e mezzo. Ha firmato un contratto per quattro stagioni, fino al 2022. Ha cominciato la sua carriera nel settore giovanile del Rosenborg e l’ha proseguita nel Bode/Glimt. Ha vissuto anche un’esperienza in Olanda, con la maglia del Groningen: avventura complicata, solo cinque reti in Eredivisie e il divorzio.

LA SVOLTA – Il rilancio lo ha costruito in Danimarca, nel Midtjylland, allenato da Jess Thorup, il suo maestro: dieci gol nella “Superligaen, quattro nei preliminari di Europa League e uno in Coppa. Anche nove assist per Sørloth, nato il 5 dicembre del 1995 e affascinato dalla possibilità di farsi conoscere in Premier League. Ha esordito il 10 febbraio nella sfida con l’Everton (1-3) ed è stato inserito nel gruppo dei titolari da Hodgson anche domenica scorsa contro il Tottenham (0-1). Una partenza in salita. E gli esami proseguiranno lunedì sera, il 5 marzo, a Selhurst Park davanti al Manchester United. Sørloth aspetta il confronto con José Mourinho, sogna il primo gol in Premier League. E’ un centravanti potente, ma anche agile nei movimenti.

IL PROFILO – E’ mancino, colpisce bene di testa, è nazionale norvegese (dodici presenze e un gol all’Islanda), con il suo trasferimento al Crystal Palace è entrato nella storia del calcio scandinavo: il Malmö, nel 2001, aveva venduto Ibrahimovic per 7,8 milioni di euro. In Danimarca aveva recitato un ruolo da protagonista: applausi, voti brillanti nelle pagelle dei giornali, una doppietta all’Odense e una tripletta all’Hobro. Ora la maglia numero nove del Crystal Palace e un compito: salvare “The Eagles” in coppia con il belga Christian Benteke, ex Liverpool, il colpo più costoso nella storia della società rossoblù: trentuno milioni e duecentomila euro, pagati nell’estate del 2016.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close