• 24 Gennaio 2022 21:37

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Difesa: la firma del governo sui contratti all’estero delle nostre imprese

Lug 24, 2019

SICUREZZA

A palazzo Chigi si sta ultimando la definizione di una norma per introdurre nella legislazione di Stato il G2G. Sono le vendite di beni e servizi fatte tra i governi. È destinata al settore difesa e sicurezza

di Marco Ludovico

24 luglio 2019


default onloading pic

3′ di lettura

Firma di governo per un contratto, un’offerta o una commessa all’estero della nostra industria del settore difesa. Si chiama in gergo G2G, sigla inglese per «government to government»: sono le vendite di beni e servizi fatte tra i governi. A palazzo Chigi si sta ultimando la definizione di una norma per introdurre nella legislazione di Stato il G2G. È destinata al settore difesa e sicurezza, molti altri Stati già ce l’hanno da un pezzo. Come gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia.

La risoluzione della commissione Difesa del Senato

L’ultimo atto ufficiale sulla materia è la risoluzione recente della IV commissione di palazzo Madama. Il testo impegna il governo a «predisporre le opportune iniziative al fine di permettere allo Stato italiano di svolgere, nei confronti degli Stati con i quali sussistono accordi di cooperazione o di assistenza tecnico-militare» anche «attività di carattere contrattuale».

LEGGI ANCHE / Trenta: industrie italiane Difesa, «nuova strategia con più tutele»

Indispensabile, dice la risoluzione, fissare un quadro normativo «che superi ogni elemento di possibile penalizzazione delle imprese italiane anche in ragione del crescente pericolo di acquisizioni estere ostili e del consistente rischio di vedere pregiudicate molte occasioni di cessioni e di attività imprenditoriali all’estero».

I tavoli di coordinamento a palazzo Chigi

Alla Presidenza del Consiglio presso l’ufficio del consigliere militare, Carlo Massagli, è attivo da tempo il tavolo tecnico di supporto all’export delle industrie del settore difesa e sicurezza. Da quel confronto è stato quasi naturale costituire all’inizio di giugno un tavolo ad hoc per configurare un dispositivo G2G italiano oggi assente. Il confronto finora si è svolto tra tecnici dei ministeri Affari Esteri e Difesa, i consiglieri militare e diplomatico di Chigi, il Dis e l’Aise; si estenderà a breve ai dicasteri Interno, Sviluppo economico ed Economia. L’articolato sarà poi condiviso con le imprese, da Leonardo a Fincantieri e MbdaItalia, e le loro associazioni, come Aiad e Confindustria. Con la stesura finale, la destinazione della norma sarà poi una scelta politica del presidente del consiglio Giuseppe Conte con i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close