• 29 Giugno 2022 21:29

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Juventus, il poker di Pjanic

Nov 11, 2016

di Antonio Barillà

venerdì 11 novembre 2016 09:55

TORINO – La magia che ha regalato i tre punti contro il Chievo conferma straordinarie qualità balistiche, affinate da ragazzo a Lione con il maestro Juninho Pernambucano. «Non sono qui, però, solo per le punizioni… » ha sospirato Miralem Pjanic prima di aggregarsi alla Bosnia, riconoscendo di doversi ancora pienamente inserire, di poter dare molto di più alla Juventus: «Ho trovato un nuovo sistema, un calcio differente con meno palleggio, però mi sto adattando, ci conosciamo meglio e i meccanismi migliorano. Le aspettative sono altissime, ma non sono preoccupato: pian piano cresceremo, intanto conta che la Juve vinca».

«IL REAL SU DYBALA»TUTTO SULLA JUVENTUS

POTENZIALITÀ – Parole oneste, nonostante i numeri (13 partite, 4 gol, 29 occasioni create) mascherino le difficoltà incontrate: normali, non è la prima volta, perfino fuoriclasse come Platini e Zidane ebbero un impatto complicato in bianconero. Anche per questo, in corso Galileo Ferraris come a Vinovo, si respirano tranquillità e fiducia: «Ci aspettiamo un salto di qualità – ha detto Marotta – Pjanic ha grandi potenzialità e ci vuole solo la pazienza di aspettarlo. E’ un calciatore moderno, eclettico». Una risorsa, la duttilità, che si è svelata finora nella ricerca della posizione migliore, definitiva, all’interno dell’impianto di gioco, tenendo anche conto della compatibilità con le caratteristiche dei compagni di reparto.

Leggi l’articolo completo sull’edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close