• 28 Settembre 2021 22:46

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Costruzioni, fatturato estero delle imprese italiane in crescita nel 2015 (+14,5%)

Ott 4, 2016

Continua a crescere il fatturato all’estero delle grandi e medie imprese di costruzione italiane, per l’11 anno consecutivo. E la crescita accelera: nel 2015 i cantieri all’estero hanno portato ricavi per 10,99 miliardi di euro, +14,5% sul 2014, contro i +10,2%, +8,6% e +11,1% dei tre anni precedenti. Nel frattempo, sempre nel 2015, il fatturato in Italia delle stesse imprese calato a 5,137 miliardi, -12,2%, arrivando a rappresentare solo il 30% dei ricavi dei grandi costruttori. Il Rapporto Ance 2016 sulla presenza delle imprese italiane di costruzione all’estero (dati 2015), stato presentato oggi alla Farnesina con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. All’incontro hanno partecipato il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, il direttore generale per la Promozione del Sistema Paese della Farnesina, Vincenzo De Luca, e il presidente del Comitato Estero dell’Ance Giandomenico Ghella.

Fatturato estero in crescita

L’indagine Ance si svolge, come ogni anno dal 2004, sulle 38 imprese grandi e medie con forte presenza sui mercati esteri, campione che rappresenta – secondo l’Ance – la quasi totalit delle attivit internazionali dell’industria delle costruzioni civili italiane. chiaro – spiega Ghella – che dai numeri dello studio emergono soprattutto le dinamiche internazionali delle maggiori imprese. Ma anche significativa la presenza di imprese di medie e piccole dimensioni, che hanno imboccato decisamente la via dell’internazionalizzazione. Undici anni fa il fatturato estero delle stesso campione di imprese era di 3,1 miliardi di euro, il 31,4% del loro fatturato, nel 2015 11,99 miliardi, il 70% del totale. La crescita cumulata 2004-2015 stata del 286%, il 14,5% medio annuo, mentre il fatturato in Italia sceso da 6,786 a 5,137 miliardi (-24,3%).

Contratti da 87 miliardi di euro

Alla fine del 2015 le imprese italiane di costruzione erano titolari di 627 contratti per un valore di oltre 87 miliardi di euro (+13 miliardi rispetto al 2014) e un portafoglio lavori di 46,5 miliardi. Nel solo 2015, i nuovi cantieri aperti sono stati 231 per un totale di 17,2 miliardi di euro (+30% rispetto alla media degli ultimi 8 anni) e un portafoglio ordini di 10 miliardi. I contratti di concessione sono 22 per quasi 34 miliardi. Le imprese italiane sono presenti in 89 Paesi (+5 mercati rispetto al 2014) e hanno creato, o controllano, oltre 280 societ di diritto estero, a testimonianza che l’attivit estera rappresenta ormai un business stabile. In forte aumento la presenza delle imprese italiane sui mercati pi sviluppati: i 7,3 miliardi di nuove commesse nei 21 Paesi Ocse rappresentano il 42% del totale dei contratti sottoscritti nel 2015 mentre i 16 Paesi del G-20 costituiscono il 33% del portafoglio lavori complessivo (28 miliardi di euro).

Salini Impregilo al top per fatturato

Secondo una ricerca del Cresme, il contributo dell’attivit estera delle costruzioni sul Pil italiano significativo: nel 2014, i 10,94 miliardi prodotti all’estero dalle imprese italiane hanno generato un impatto diretto sul nostro prodotto nazionale di 3,8 miliardi; la ricaduta complessiva, invece, oscillerebbe intorno allo 0,7-0,8%. A guidare la lista dei “campioni dei lavori all’estero” Salini Impregilo, con 4.028 milioni di fatturato fuori confine nel 2015 (l’85% del totale), seguito da Astaldi (2.357 milioni, 82,5%), Condotte (772 milioni, 58%), Bonatti (729,7 mln, 78%), Cmc di Ravenna (612,2 mln, 52%), Rizzani (546,3 mln, 82%), Trevi (536,7 mln, 89%), Ghella (474 mln, 66%), Sicim (327,3 mln, 99%), Icm (294,2 mln, 61%).

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close