• 2 Ottobre 2022 19:18

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Comunicato sindacale

Ott 26, 2016

Andiamo avanti con la pubblicazione di comunicati con i discorsi tenuti dal comitato di redazione all’assemblea degli azionisti nel corso degli ultimi anni. A testimonianza della presenza critica dei giornalisti, che, purtroppo inascoltati, hanno segnalato a tempo debito quello che non funzionava. Una piccola controstoria del Sole 24 Ore, un lettura ancora istruttiva ad anni di distanza.

Il Cdr

INTERVENTO CDR

ASSEMBLEA AZIONISTI 2012

Signor presidente, signora amministratore delegato, signori sindaci, signori consiglieri, signori azionisti. Interveniamo qui ancora una volta, la quinta, come rappresentanti dei giornalisti e come azionisti. Il nostro mestiere consiste nell’individuare notizie e portarle all’attenzione dei nostri lettori. Ebbene oggi, in questo momento, i nostri lettori siete voi e la notizia che portiamo alla vostra attenzione, l’unica novit di rilievo, che dopo anni di discesa il quotidiano ha ripreso quota sia per numero di copie vendute in edicola sia per il sensibile incremento degli abbonamenti. Un risultato in controtendenza rispetto al resto del mercato, raggiunto grazie all’impegno della redazione, di tutta la redazione, che, vorremmo ricordare a tutti voi, stata determinante anche nell’individuare e nel sollecitare, per prima, la rimozione delle cause che avevano portato il giornale a risultati record negativi, a partire dalla sostituzione del direttore.

Le buone notizie per finiscono qui.

Con il risultato di bilancio di quest’anno abbiamo fatto 100. Cento milioni di perdite in un solo triennio. Una performance che, sia pure in miglioramento (dai meno 40 del 2010 ai meno 8 del 2011), non pu non sollevare il massimo della preoccupazione. Anche perch il miglioramento dei margini stato in gran parte determinato dalla riduzione dei costi pi che dall’aumento dei ricavi. Con colpevole ritardo sono state finalmente avviate quelle scelte di contenimento che vi erano state chieste anni fa, ma che avete irresponsabilmente rinviato nel tempo. Ora ne paghiamo tutti le conseguenze.

A questo proposito non possiamo far passare sotto silenzio la decisione di corrispondere un bonus all’attuale amministratore delegato. Non ne discutiamo la legittimit ma l’opportunit. Ci chiediamo come non si avverta lo “scandalo” di usufruire di un premio mentre i bilanci continuano ad essere chiusi in rosso e all’indomani di un accordo che prevede il taglio delle retribuzioni dei propri dipendenti, ammortizzato peraltro anche da un contributo pubblico. Per quanto ci riguarda riteniamo grave questa scelta. Cos come gravi sono i continui avvicendamenti al vertice della societ. L’ultimo stata la rimozione del direttore generale dell’Area Editrice e System. Un manager che era entrato in azienda poco pi di un anno prima e la cui fuoriuscita ha provocato l’ennesimo avvicendamento alla guida della System, il quarto nel giro di pochi, anni in un settore cruciale per una casa editrice. E vorremmo ricordare che nell’ultimo biennio, a vario titolo, hanno lasciato: un direttore del quotidiano, l’amministratore delegato del gruppo, due direttori generali dell’Area editrice, un direttore delle risorse umane, un responsabile della business unit online. Tutte figure sostituite con fatica nel corso del tempo, dopo magari l’assunzione di discutibili interim e con un costo, basti pensare al peso delle singole liquidazioni, non certo irrilevante. Ma quel che pi grave, che questo continuo avvicendamento dimostra l’incapacit di chi governa la societ di assumere decisioni che abbiano una prospettiva non diciamo di lungo ma almeno di medio periodo. Vorremmo ricordare che solo due anni fa al centro del piano industriale c’era la riduzione del formato del quotidiano a tabloid, che per fortuna stata limitata al solo inserto domenicale e poi, essendosi rivelata improvvida, cassata definitivamente. Cos come non certo una casualit lo slittamento dal 2013 al 2014 del raggiungimento degli obiettivi fissati dall’attuale piano industriale che – lo ribadiamo ancora una volta pubblicamente – non brilla certo per ambizione degli obiettivi.

La situazione resta assai difficile. E la crisi profonda del sistema economico, con un’ormai accertata recessione, ha immediate ricadute. Solo sul fronte del quotidiano i ricavi pubblicitari sono calati di quasi 8 milioni rispetto a un 2010 gi assai critico. Va evidenziato peraltro che System, la nostra concessionaria di pubblicit, ha fatto un po’ peggio dei suoi concorrenti nel corso del 2011 e viste le prospettive scoraggianti per tutto il settore nel 2012, il futuro resta assai incerto.

A fronte di questi risultati la richiesta dell’azienda stata di una stretta sugli stipendi attraverso l’applicazione degli ammortizzatori sociali. Da febbraio sono stati cos applicati i contratti di solidariet. E tutto questo malgrado il costo del lavoro fosse gi diminuito quasi del 5 per cento, pi di quanto siano scesi i costi diretti, nel perimetro del quotidiano.

La decisione di aprire un nuovo stato di crisi quando ancora non era stato concluso il precedente, basato sull’applicazione di un altro ammortizzatore finanziato dalle casse pubbliche, i prepensionamenti, testimonia, una volta di pi, se ce ne fosse bisogno, dell’incapacit di elaborare strategie di rilancio della linea dei ricavi. Meglio puntare, comodo evergreen universale, sul taglio dei costi.

Latitano prospettive serie di sviluppo dell’area editrice. ancora in gran parte lettera morta il rafforzamento della nostra presenza sul web con un maggiore, se non totale come pi volte sollecitato dallo stesso cdr, coinvolgimento di tutta la redazione. Eravamo pi avanti di altri gruppi, almeno come sensibilit dei giornalisti. Oggi rischiamo invece di fare passare il treno di uno sviluppo che altrove sta cominciando a dare risultati interessanti.

La centralit dell’informazione del quotidiano pi volte ribadita a parole, scarseggia invece nei fatti. Un’informazione che deve continuare a essere punto di riferimento per la comunit economica, finanziaria e giuridica del Paese. Invece nel 2011 abbiamo dato seguito, ci riferiamo al completamento dell’acquisizione di Esasoftware, a quella politica di sedicente espansione del gruppo che pochi benefici ha portato al conto economico. Sono stati spesi oltre 130 milioni per esiti che negli anni passati hanno condotto a pesanti svalutazioni. Uno shopping finanziario che ha snaturato la fisionomia dell’azienda, fatto crescere in maniera sensibile il personale, allontanandola sempre pi da quello che era il suo core business, quello di un’azienda editoriale.

A un bilancio ancora critico, sul quale vi preannunciamo il nostro voto negativo, si sommano altre forti preoccupazioni. Come il dimezzamento della cassa rispetto al 2010, da 80 a 40 milioni. Ancora un anno a questi livelli di spesa e sar completamente azzerata. Sar stato cosi definitivamente estinto quel tesoretto derivato da una quotazione che ha impoverito i piccoli azionisti senza dare una vera prospettiva di crescita all’azienda. Ebbene, vi vogliamo avvisare fin d’ora, non aspetteremo il corso “naturale” degli eventi. Non aspetteremo in silenzio che la cassa si esaurisca e che qualche altro manager momentaneo ci venga a spiegare gli errori dei suoi predecessori per poi scaricare sulla redazione il prezzo di tanta insipienza. giunto il momento delle scelte. Per noi ma soprattutto per l’azionista, la Confindustria, che , vorremmo ricordare, negli anni passati ha sempre percepito cospicui dividenti e che ora chiamata a definire il perimetro delle attivit del gruppo e la sua fisionomia. Decisioni che andrebbero prese anche sul versante dell’assetto proprietario e della governance del gruppo. Perch le difficolt del Sole 24 Ore sono s comuni a tutto il mondo dell’informazione tradizionale, ma investono un giornale che rappresenta ancora (per quanto?) un valore importante per gli operatori economici che lo utilizzano tutti i giorni. allora ampiamente maturo il tempo per una riflessione, questa s ambiziosa, su un’apertura del controllo del Sole 24 Ore. Nei mesi scorsi la comunit dei giornalisti ha chiesto, come azionisti, un posto in consiglio di amministrazione, in un consiglio dove – vale la pena ricordarlo – chi siede attualmente non ha investito un euro di proprio capitale. Senza fortuna, nonostante noi il capitale, quello del lavoro, della nostra professionalit, lo investiamo ogni giorno. Bene, continuiamo a credere che la diversificazione della struttura di controllo, attraverso la quotazione del totale del capitale, attraverso l’apertura a soggetti istituzionali, attraverso la costituzione di un nuovo soggetto come una fondazione, possano rappresentare strade molto pi innovative di quelle legate agli equilibri pi o meno gattopardeschi di soggetti fuori dal tempo e dalla storia.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close