• 4 Luglio 2022 11:17

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Carabinieri: le auto per la Forestale diventano verdi

Nov 10, 2016
Carabinieri: le auto per la Forestale diventano verdi

Dall’1 gennaio 2017 entrerà in vigore l’accorpamento della ex Guardia Forestale, ora “Comando tutela ambientale, agroalimentare e forestale”, all’Arma dei Carabinieri. E con l’accorpamento sarà attuato anche un cambio di livrea per le auto che saranno in dotazione all’ex Forestale. In questa foto ne è rappresentato un prototipo, un’Alfa Romeo 159 attualmente in uso alla Forestale e ridipinta di verde.

La decisione, sia dell’accorpamento sia del cambio di livrea delle auto, è stata accolta con molto scetticismo e una non celata polemica. Alcuni forestali commentano che sembrano «le auto della Lega Nord». Marco Moroni, segretario del Sapaf (sindacato autonomo dei Forestali), ha così commentato: «La ministra Marianna Madia ipotizza un risparmio di 100 milioni di euro con l’accorpamento, cifra impossibile perché solo per modificare la livrea degli elicotteri per uniformarla a quella dei Carabinieri servirebbero 4,5 milioni. Anche il servizio bilancio del Senato ha espresso dubbi. Adesso però cominciamo a capire da dove arriva il risparmio. Dal maquillage. Prendono le nostre macchine e cambiano la scritta sulle portiere. Ci sembra poco dignitoso, sia per l’Arma e la sua storia bicentenaria, sia per i forestali.»

Lo stesso Sapaf, che con l’accorpamento dovrà sciogliersi, ha presentato un ricorso presso la Corte Europea per i diritti dell’uomo, mentre il Tar è stato subissato di ricorsi da parte dei forestali che non vogliono essere militarizzati. I 7.563 forestali saranno poi distribuiti fra i corpi dei Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e al Dicastero dell’Agricoltura. Molto duro il commento di Luca Comellini – Partito dei Militari – che ha dichiarato: «Le auto dei ‘forebinieri’ rendono perfettamente l’idea del pastrocchio di una riforma che è nata male e sicuramente finirà peggio, Renzi è ancora in tempo per fermare questa baggianata.»

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close