• 29 Gennaio 2022 7:58

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Borse caute nella settimana della Fed e dei colloqui Usa-Cina

Lug 29, 2019

MILANO – Ore 9:15. Borse caute in una settimana che si annuncia intensa per gli operatori dei mercati finanziari. L’evento principe è in agenda il giorno 31, quando la Fed annuncerà con ogni probabilità il primo taglio dei tassi (atteso un quarto di punto) da lungo tempo. Intanto non mancano altri motivi d’attenzione: le azioni asiatiche hanno mostrato timori circa il prossimo giro di trattative commerciali tra Usa e Cina, che riprendono martedì e mercoledì a Shanghai. C’è poi grande attesa per le trimestrali, che procedono nella loro pubblicazione, e anche per il rapporto sul lavoro americano di fine ottava.

Anche per l’Italia è una settimana cruciale. L’Istat diffonderà la stima sul Pil, mentre prosegue in tira e molla a livello di governo sulla costruzione della prossima Manovra finanziaria. Una prova della pazienza dei mercati è prevista già in giornata, con l’asta di Bot da 6 miliardi dopo che S&P ha lanciato il suo alert sul rischio di derive “alla greca” per il Belpaese. Apertura in lieve rialzo per lo spread tra Btp decennali e omologhi Bund tedeschi. Il differenziale avvia la sessione a 195 punti, contro i 194 della chiusura di venerdì scorso. Il rendimento del titolo italiano è poco mosso all’1,557%. Euro sostanzialmente invariato a 1,1127 dollari (contro 1,1123 di venerdì dopo la chiusura di Wall Street). Rispetto allo yen l’euro scambia a 120,9 e contro la sterlina a 0,8993.

Milano avvia le contrattazioni debole, cedendo lo 0,25%. A Piazza Affari si attendono i conti di Cir, Nexi e Italgas tra gli altri. In linea gli altri mercati del Vecchio contintente: il Dax di Francoforte lima lo 0,23%, Parigi perde lo 0,29% e la sola Londra sale leggermente.

Tokyo questa mattina ha trattato debole: ha dominato la prudenza tra gli investitori giapponesi, anche in vista della riunione della BoJ. L’indice Nikkei dei titoli guida ha chiuso in calo dello 0,19% mentre il più ampio Topix ha perso lo 0,32%. Wall Street riparte dopo la seduta record di venerdì per lo S&P500 e il Nasdaq, spinti da alcune trimestrali migliori del previsto come quella di Alphabet.

Oro in lieve calo a 1.417,9 dollari l’oncia. Le quotazioni del metallo prezioso segnano una leggera flessione dello 0,06%. Quotazioni del petrolio in calo con il greggio Wti che cede lo 0,3% a 56,03 dollari al barile. Il Brent perde lo 0,5% a 63,1 dollari.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close