• 28 Settembre 2021 20:50

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

“Basta compiti, dopo scuola si deve giocare”: la giustificazione di una mamma di Milano fa discutere

Ott 6, 2016

Una lettera di risposta sul diario della figlia e uno sfogo su Facebook che sta già creando dibattito. “Gentili maestre, Mariasole non ha potuto studiare storia perché dopo 8 ore di scuola, dalle 17 alle 19.30 ha dedicato il suo tempo libero restante ad attività ricreative e sportive”. Così una mamma milanese, Anna Santoiemma, ha giustificato con i docenti della scuola elementare della figlia il fatto che non avesse fatto i compiti.

Torna così a far discutere il tema del troppo carico di lavoro per casa per i piccoli studenti, tema sentito da molti genitori così come quello dei compiti delle vacanze. A quest’ultimo capitolo era dedicata la lettera del papà di Varese che aveva scritto ai prof spiegando perché il figlio non aveva svolto i compti estivi: “Voi avete nove mesi per insegnargli nozioni e cultura. Io solo tre per insegnargli a vivere”.

La mamma di Milano su Facebook ha pubblicato la foto della pagina del diario della figlia in cui compare la giusticazione e nel post ha scritto anche: “Basta compiti e basta torturare questi bambini dopo che passano otto ore seduti sui banchi”.

Non tutti però, tra i commenti, si dichiarano d’accordo. Sergio Ghittoni, ad esempio, scrive: “A mio figlio non permetterei di non fare i compiti. Mi sembrerebbe di dargli un insegnamento negativo. Anche a me i compiti non piacciono

e vorrei che la scuola trovasse il modo di ridurli al massimo, se non di eliminarli del tutto. Ma andrei a parlare con i professori o i maestri e chiederei loro di prendere coscienza del problema, non metterei mio figlio in rotta di collisione con la scuola”.

Non manca però chi solidarizza con Santoiemma, come Erika Guio: “Concordo, dopo otto ore di scuola piena, i bambini hanno tutto il diritto a fare ben altro, come ad esempio giocare”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close