• 3 Luglio 2022 14:39

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Auto GPL: quanto conviene realmente

Giu 20, 2022

Comprare una nuova automobile oggi significa confrontarsi con un mercato che cambia a velocità mai viste prima: se una volta la scelta del GPL rientrava nel ristretto bacino delle scelte ecologiche insieme all’alimentazione a metano, oggi la scelta in materia di auto a basse emissioni è sconfinata. Oltre all’opzione full electric, i cui prezzi non sono ancora del tutto competitivi, c’è anche un mercato vivace sul fronte delle soluzioni ibride, che offre decine di motorizzazioni a basse emissioni di CO2.

Auto GPL: un mercato in crescita

In questo scenario, caratterizzato da un comparto in rapida evoluzione e dall’andamento piuttosto instabile dei prezzi, dei carburanti tanto quanto delle materie prime, quella del GPL resta una scelta molto apprezzata dagli automobilisti italiani. Esemplare è il caso di Dacia, che ha fatto dell’alternativa GPL la chiave del suo successo: con l’idea di offrire ai clienti “l’essenziale al giusto prezzo”, il marchio di Mioveni si è posizionato alla guida dell’unica fetta di mercato che segna un andamento positivo in Europa.

Come sottolineato dall’ultimo rapporto UNRAE, quello del GPL è l’unico mercato in crescita nel 2022: si parla di oltre 9.000 vetture immatricolate soltanto nei primi due mesi dell’anno, per una quota di mercato che ha ormai raggiunto l’8% del totale. Le auto alimentate a GPL sono circa 2,5 milioni in Italia, e possono contare su due punti fermi molto attesi: la distribuzione delle stazioni di rifornimento sul territorio nazionale sembra finalmente allinearsi con i numeri del parco circolante e l’offerta di veicoli bi-fuel alimentati a benzina e propano liquido è abbastanza vasta da riuscire ad assecondare le esigenze della clientela, anche se con diverse limitazioni.

Le auto bi-fuel GPL sul mercato sono essenzialmente citycar, utilitarie e SUV compatti, e non bisogna dimenticare che il piano europeo che prevede lo stop alla vendita delle auto diesel e benzina dal 2035 riguarda anche le motorizzazioni GPL, ibride e a basse emissioni di CO2.

Quanto conviene il GPL?

Che un’auto alimentata a GPL consenta di risparmiare in maniera importante sui costi del carburante è cosa nota. L’attuale scenario economico e normativo, però, pone delle questioni nuove: innanzitutto, in mancanza di una netta inversione di rotta da parte dell’UE, dal 2035 non sarà più possibile acquistare un’auto a GPL.

C’è anche da dire, però, che il costo del rifornimento resta più o meno dimezzato rispetto alle alternative a benzina e diesel: l’ultima rilevazione, del 13 giugno, indica un prezzo medio di 2,014 euro al litro per la benzina e di 1,935 euro al litro per il diesel, mentre il GPL si attesta a 0,829 euro al litro. Il prezzo del GPL quindi sale tanto quanto quello degli altri carburanti, ma resta decisamente più basso – circa il 40%.

A livello di carburante, quindi, il GPL garantisce ancora un grande risparmio. Ed è una delle scelte più apprezzate anche per un altro motivo, non meno influente sulle tasche degli italiani: un’auto a GPL costa di meno di una vettura ibrida o full-electric. Il sovrapprezzo richiesto per la versione eco-friendly di un’auto supera raramente i 1.000 euro, rispetto al modello a benzina o diesel, e si capisce facilmente che si tratta di una cifra piuttosto rapida da ammortizzare – anche soltanto  grazie all’importante risparmio sul carburante.

GPL: un futuro incerto

Chi spera di acquistare un’auto a GPL usufruendo degli incentivi statali per l’acquisto di auto a basse emissioni dovrà aspettare il 2023: sono infatti già terminati i fondi stanziati per il 2022 per le auto con emissioni di CO2 comprese nella fascia 61-135 g/km, che include quelle a GPL.

Inoltre la prospettiva dello stop alla vendita di vetture bifuel benzina/GPL, con conseguente aumento delle tasse, aleggia come un’ombra minacciosa su un mercato che sembrava essere in discreta salute. Le auto GPL resteranno comunque a listino, con ogni probabilità, almeno per altri 10 anni. È ancora lecito, quindi, farsi due conti e cercare di capire quanto in effetti sia conveniente optare per una “tradizionale” motorizzazione a propano liquido rispetto alle altre opzioni offerte dal mercato.

Diminuisce il peso specifico della sostituzione della bombola GPL, che va effettuata per legge ogni 10 anni e che può costare fino a 600 euro, mentre diventa più significativa la questione della rivendibilità dell’usato GPL – stanti le varie limitazioni che gradualmente ci si aspetta verranno imposte ai motori endotermici, dalle tasse automobilistiche alla possibilità di accedere alle zone a traffico limitato.

In definitiva la scelta del GPL è ancora oggi assolutamente conveniente sul breve periodo, grazie a un risparmio sul carburante che può superare il 50% e che è in grado di assorbire velocemente la leggera differenza di prezzo rispetto all’acquisto di un omologo alimentato a benzina o diesel. I dubbi, semmai, riguardano la convenienza sul lungo periodo, che resta appesa a una serie di variabili molto complessa ed estremamente mutevole, oltre che ormai completamente slegata dal tema dell’efficienza dei motori.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close