• 26 Febbraio 2024 12:53

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Ateneo di Bologna, torna il numero chiuso a Scienze della comunicazione

Nov 23, 2016

BOLOGNA – In arrivo il numero chiuso a Scienze della Comunicazione: 400 posti, dal prossimo anno. La decisione, votata all’unisono dai professori del corso di laurea e riconfermata, un po’ meno all’unanimità, nel consiglio di Dipartimento di Filosofia e Comunicazione, dovrà ora essere ratificata dalla Scuola degli umanisti e dal cda d’Ateneo. Ma intanto fa tremare tutta Lettere, che teme l’effetto spillover, ovvero il traboccamento dei respinti a Comunicazione sugli altri corsi, in particolare il Dams, già sovraffollati. Una decisione inoltre che va a toccare una questione di principio molto sentita dagli umanisti e che infatti sta già scatenando polemiche e opposte fazioni sull’idea di università aperta a tutti.

Il motivo che ha mosso i comunicatori sta nella sostenibilità del corso: troppi iscritti, aule stracolme – l’ultimo caso è scoppiato un mese fa – e in prospettiva pochi docenti per fare lezione a tutti. Una scelta non facile, visto che ridurre le matricole significherà perdere 1,5 milioni di introiti in tre anni. La decisione è stata respinta dagli studenti di “Lettere aperte” in consiglio di Dipartimento. “Una misura gravissima ed escludente”, scrivono i rappresentanti che hanno votato contro. “Ci è stato detto che il numero chiuso non è la soluzione, bensì un compromesso. Far passare la chiusura dei luoghi della formazione non è un compromesso. E non discutere del peso politico di una tale decisione è inaccettabile”.

L’associazione Link ha già lanciato la campagna contro “un modello selettivo di università”: una fotopetizione via social network in vista del consiglio della Scuola di Lettere il 29 novembre. Prima ci sarà un incontro richiesto dai responsabili dell’area umanistica coi prorettori alla didattica e agli studenti. “Vogliamo interventi necessari per spazi, docenti e risorse necessarie, soprattutto per quei corsi come i nostri che hanno scelto strade differenti dal numero programmato”, scrivono i direttori dei dipartimenti di Arti visive e Storia, culture e civiltà. Il consiglio di quest’ultimo ha votato una mozione in cui si valuta “con preoccupazione” la decisione presa da Comunicazione e si chiede “con urgenza un’adeguata discussione e che si valutino per tempo le ricadute”. Una presa di posizione simile l’ha votata il dipartimento di Filologia e italianistica. Anche il consiglio studentesco, all’unanimità, chiede una discussione a livello di Ateneo. La presidentessa, Fabiana Maraffa, all’inaugurazione dell’anno accademico, aveva avvertito: “No a numeri chiusi introdotti di soppiatto”.

Sul tavolo resta il problema della mancanza di risorse e spazi a fronte di matricole in crescita negli ultimi quattro

anni. Lettere e Dams superano ormai i 700 nuovi iscritti, Scienze della comunicazione veleggia sui 600, contro i 571 dello scorso anno. Ben altri tempi da quando Umberto Eco decise di far partite il corso, primo in Italia, da subito a numero chiusissimo: 150 matricole. E si presentarono in duemila al test. Nel 2005-2006 gli iscritti diventarono meno dei posti disponibili, portati nel frattempo a 400, e così fu deciso l’accesso libero. Ma ora il corso è tornato a crescere.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close