• 6 Ottobre 2022 0:36

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Apple ferma l’auto: stop al progetto Titan per la iCar – Il Sole 24 Ore

Ott 17, 2016

Apple dopo il ridimensionamento dei mesi scorsi del progetto Titan ha temporaneamente messo da parte i suoi piani di sbarco nell’automotive con una vettura elettrica dotata di soluzioni per la guida semi-autonoma.

La notizia stata diffusa da media online di settore e ripresa da Bloomberg, secondo la quale centinaia di addetti legati al progetto, denominato Titan, si sono dimessi o vengono spinti ad andarsene. La vettura della Mela avrebbe dovuto debuttare nel 2019/2020 ma costruire un’automobile partendo da zero impresa ardua, soprattutto se equipaggiata con avanzati sistemi di automatizzazione della guida.

Lo stop a Titan conferma che per fare una macchina puoi avere tutti i soldi del mondo, ingegneri prelevati dalle migliori aziende ma il tempo non lo puoi comprare. Non puoi saltare le tappe dello sviluppo di un oggetto complesso ben di pi di un telefonino. Neanche se sei Tim Cook. Neanche se sei una Apple magica e meravigliosa. Tuttavia Apple con tutta la cassa che ha (oltre 230 miliardi) qualora decidesse di fare la mossa certo azzardata di entrare nel settore automotive, potrebbe comprare con poco sforzo una casa automobilistica. E pi di una volta ci sono stati rumors su Tesla, ma anche McLaren, finite nelle mire di Cupertino.

Apple in ogni caso potrebbe seguire due direttrici nel campo dell’automobile: sistemi di infotainment e interfacce multimediali e tecnologie per l’autonomous driving che beninteso cosa ben diversa dall’auto senza guidatore favoleggiata da molti media soprattutto americani. Apple quindi potrebbe offrire soluzioni guida come quelle usate (e made in Bosch) dai costruttori tedeschi (Audi e Mercedes) e dalla californiana Tesla che puntano con credibili roadmap all’auto che guida da sola (ma con guidatore), una frontiera tecnologica sulla quale inserita Google che sta sperimentando soluzioni tecniche da fornire anch’essa poi alle case costruttrici, mentre Uber fa “fumo mediatico” insieme a Ford.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close