• 18 Aprile 2021 11:27

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Schwazer squalificato per 8 anni: «Sono distrutto». Ma Tamberi lo attacca ancora

Ago 11, 2016

Altro che prender parte ai Giochi di Rio de Janeiro. Otto anni di squalifica, Olimpiadi in fumo, carriera finita. Tanto ha riservato il Tribunale di arbitrato sportivo ad Alex Schwazer, per la nuova positivit a uno steroide sintetico rilevata in un controllo del 1 gennaio scorso. Il verdetto arriva dopo l’udienza fiume di due giorni fa in cui Schwazer aveva esposto le proprie ragioni, chiedendo l’audizione di alcuni testimoni via skype e producendo documenti e perizie.

Il Tas ha per accolto tutte le richieste della Federatletica internazionale e quindi non ha concesso alcuna attenuante al marciatore altoatesino che sognava le Olimpiadi di Rio de Janeiro, obiettivo che si era prefissato da oltre un anno, quando aveva iniziato la collaborazione con Sandro Donati, l’allenatore da sempre in prima fila della lotta al doping. Sono distrutto, stato l’unico commento del 31enne marciatore, riferito da Donati nel corso di una conferenza stampa convocata a Rio dopo la sentenza.

evidente un fine persecutorio nei confronti di Alex. Di riffa o di raffa dovevano eliminare Schwazer – attacca Donati-. Ad Alex hanno stroncato la vita. Stamattina ha marciato per una quarantina di km a una velocit che tolti uno o due marciatori nessuno saprebbe tenere nemmeno in gara. E’ evidente che era facile incolpare uno con un precedente. Poi avete visto con quale tecnica, anche medici interessati da procedimenti giudiziario, si siano affrettati a definirlo persino “bipolare”. Alex lineare, coerente, semplice, affidabile. Ha sbagliato una volta, con sua quota di responsabilit coinvolgendo anche la Kostner in una cosa in cui non entrava niente. Ma in quel periodo stato abbandonato a s stesso. E poi, subito, un altro affondo: Non gli stato dato un allenatore adeguato. Qualcuno gli ha prescritto un antidepressivo per email. Sapevano che aveva incontrato il dott. Michele Ferrari e nessuno intervenuto. Gli hanno permesso di andare in Germania per un mese. Tutti si sono sottratti, il Coni e la federazione”. Ma cosa accadr adesso? “Alex cresciuto tanto in questi anni e ha l’equilibrio per affrontare la vita anche fuori dall’atletica. Lui dopo Rio l’avrebbe abbandonata comunque. C’ stata un’opera di delegittimazione di Schwazer appena ha iniziato a lavorare con me.

Torna invece ad attaccare Schwazer Gianmarco Tamberi, a Rio per seguire le gare nonostante l’infortunio che gli ha impedito di essere tra i protagonisti del salto in alto: Mi chiedete se 8 anni sono giusti? Non sono io a dovermi esprimere, ma Schwazer stato trovato positivo due volte, e questo non sono io a dirlo… ho sempre pensato che un’atleta pizzicato per doping non debba pi vestire la maglia azzurra perch non rappresenta pi i valori della nazionale.

Dello stesso parere Elisa Di Francisca, fresca vincitrice dell’argento nel fioretto: Non ho mai barato, non ho mai pagato nessuno per farmi vincere. Ho la coscienza pulita perch non mi sono mai dopata in vita mia. Questa la mia linea e lo sar sempre, i risultati li voglio ottenere solo attraverso

i miei sacrifici. Ma il braccio di ferro legale intorno al caso Schwazer tutt’altro che finito: svanite le Olimpiadi, per l’altoatesino c’ ancora la possibilit di andare fino all’ultimo grado di giudizio che la Corte Federale svizzera. Il 31enne marciatore di Calice di Racines far richiesta di esame del Dna. Il campione olimpico di Pechino 2008 – squalificato una prima volta per due anni per il doping l vigilia dei Giochi di Londra 2012 – era stato trovato di nuovo positivo all’esame antidoping del primo gennaio 2016, ma solamente a seguito di un test di laboratorio effettuato oltre tre mesi dopo l’esame che inizialmente aveva dato esito negativo. Gravi – secondo la difesa – sono stati i ritardi nella comunicazione all’atleta da parte della Iaaf. Infatti, sono trascorsi oltre 40 giorni dal momento della positivit riscontrata, il 13 maggio, alla notifica, avvenuta il 21 giugno. Insomma, se il caso sportivo chiuso, tutta la verit ancora da scrivere.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close