• 19 Agosto 2022 21:55

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

25 aprile, Mattarella e Gentiloni all’Altare della Patria. Cortei divisi nella Capitale

Apr 25, 2017

Si celebra la Liberazione in tutta Italia, ma non senza polemiche. A Roma sfilano due distinti cortei, uno dell’Anpi e l’altro della Brigata ebraica contraria alla presenza delle organizzazioni palestinesi.

Di primo mattino il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha reso omaggio al Milite Ignoto all’Altare della Patria accompagnato dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il ministro della Difesa Roberta Pinotti. Poi il Capo dello Stato atteso a Carpi dove deporr una corona al Monumento dei Caduti in Piazza dei Martiri e alla Stele che reca i nomi di sessanta campi di concentramento e di sterminio nazista al Museo Monumento al Deportato presso Palazzo dei Pio.

25 aprile, Umberto Gullace ricorda i fatti di Roma Citt Aperta

Capitale “divisa”, due i cortei

Ancora una volta Anpi e Comunit ebraica si ritrovano divisi in citt per celebrare la Liberazione dal nazifascismo. Tra rivendicazioni e reciproche accuse. La Comunit ebraica punta il dito sulla presenza dei movimenti pro Palestina al corteo Anpi, mentre l’associazione partigiani sottolinea di avere fatto di tutto per includere e ricucire il fronte antifascista. Campidoglio e Regione Lazio saranno presenti alle due manifestazioni mentre il Pd andr a quella della Brigata Ebraica dopo che il commissario cittadino Matteo Orfini ha tacciato l’Anpi di essere divisiva. In programma anche altre manifestazioni in tutta la citt – da Porta San Paolo alle Fosse Ardeatine, dall’Altare della Patria a via Balbo – e con le istituzioni locali impegnate a presenziare a tutte (o quasi) le cerimonie in programma. Il corteo dell’Anpi partito alle 9 per raggiungere Porta San Paolo, dopo avere attraversato la Garbatella con un nuovo itinerario rispetto agli scorsi anni. Parola d’ordine con i partigiani per l’applicazione della Costituzione nata dalla Resistenza. La comunit ebraica di Roma invece si ritrova in via Balbo 33, davanti a quella che fu la sede della Brigata Ebraica, per una manifestazione autonoma.

A Milano una festa per unit e Costituzione

Una festa per l’unit e per la Costituzione nell’anno del settantesimo anniversario della sua approvazione: con questo spirito che l’Anpi intende celebrare il 25 aprile in tutta Italia a partire da Milano, dove si svolge il corteo nazionale con partecipazione anche della Brigata Ebraica e il discorso finale del presidente del Senato Pietro Grasso in piazza Duomo. Dobbiamo essere uniti e tanti, stato l’appello dell’Anpi che si augura che la partecipazione al corteo sia inversamente proporzionale alle polemiche che anche quest’anno non sono mancate. Per la prima volta, per, una vittoria gi stata ottenuta da tutte le associazioni antifasciste: prefettura e questura di Milano hanno vietato la manifestazione organizzata da CasaPound e Lealt e Azione per commemorare i combattenti della Repubblica di Sal sepolti al Campo X del Cimitero Maggiore, iniziativa che da quattro anni apriva il 25 aprile milanese con un grande carico di tensione. Sono comunque attesi militanti di destra ma inquadramenti, labari militari e saluti romani saranno rigorosamente vietati dalle forze dell’ordine che dovranno controllare che non entrino in contatto con i centri sociali che aderiranno all’iniziativa Porta un fiore al partigiano al Campo della Gloria dello stesso cimitero. Alle 14 partir invece il corteo da Porta Venezia che raggiunger piazza del Duomo attraversando le strade del centro della citt. I city angels proteggeranno la sfilata della Brigata ebraica che si aspetta inoltre la consueta contestazione in Piazza San Babila da parte di associazioni filo palestinesi e centri sociali. Accanto all’Anpi, ai sindacati e all’Aned, ci saranno partiti e leader del centrosinistra: sfileranno dietro uno striscione di dodici metri con circa cinquecento bandiere dell’Ue i militanti

del Pd e non solo che, per l’occasione, indosseranno cappellini e magliette blu con la scritta Noi, Patrioti Europei, mentre Pierluigi Bersani parteciper con i sostenitori del Movimento Democratici e Progressisti assieme al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. Ci saranno inoltre il leader di Campo progressista nonch ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia e Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana. Al termine del corteo il sindaco di Milano Giuseppe Sala e il presidente nazionale dell’Anpi Carlo Smuraglia interverranno prima del discorso conclusivo di Pietro Grasso.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close