Il ministro dei Trasporti del governo francese Elisabeth Borne ha in agenda un incontro con Danilo Toninelli, lunedì prossimo. “Se ha domande sull’impegno della Francia, questa è l’occasione di rassicurarlo”. E’ quanto scrive il quotidiano della Savoia e di Grenoble “Le Dauphiné Liberé” nell’edizione online. Borne – che pure nel luglio dell’anno scorso aveva annunciato una “pausa di studio” nel cantiere sul tratto francese, e non quello internazionale, dell’opera – ha risposto, durante la discussione sul bilancio all’Assemblea nazionale, a un’interpellanza della deputata della Savoia Emilie Bonnivard che ha esortato il governo francese a “confermare con chiarezza l’impegno sulla Torino-Lione”.

Sabato scorso, commentando la prima manifestazione torinese a favore della Tav – la prossima, per la quale stanno fioccando le adesioni, si svolgerà sabato in piazza Castello a Torino – il ministro Toninelli si era espresso così: “Siamo sicuri che il benessere di Torino e del Piemonte dipendano da un’opera progettata 20 anni fa, la cui costruzione in sostanza non è mai iniziata e basata su previsioni di traffico del tutto campate in aria? Le cronache di queste ore, di questi giorni dimostrano ancora una volta quello che diciamo da sempre: la vera grande opera di cui abbiamo bisogno è una manutenzione massiccia, un piano straordinario di intervento a difesa del territorio e delle infrastrutture esistenti”.