Richiami: negli USA Ford in campagna risanamento per oltre 1.4 milioni di auto

Per la serie non tutte le ciambelle vengono col buco, ma qui non si scherza affatto. Parliamo infatti di sicurezza sulle auto e di Ford che, negli USA, avvia una colossale campagna di richiamo per circa 1,4 milioni di vetture. Notizia che da noi fa clamore numericamente e tecnicamente, perché le varie Ford Fusion and Lincoln MKZ potrebbero avere dei problemi alla colonna sterzo, non a una fase di erogazione (come spesso capita negli aggiornamenti centralina motore, tanto per citare dei richiami “soft” inerenti le sensazioni guida). Nello scorso autunno infatti, indagando su alcuni incidenti, si è scoperto che potrebbe esserci un’imperfezione produttiva con allentamento del fissaggio che causa persino la possibile perdita di controllo sullo sterzo in reazione ai movimenti del volante.

I modelli coinvolti sono quelli prodotti tanto negli USA quanto in Messico, venduti per maggior parte negli States ma anche in Canada e Messico. Le nuove viti di fissaggio sono più grandi e dotate di rinforzi per tenuta agli alti carichi. Sempre Ford, ha in corso un’ulteriore campagna di richiamo per aggiornamento tecnico sulle proprie vetture nei mercati americani. Si tratta di una correzione alle frizioni di alcuni modelli prodotti tra il 2013 e il 2016 (circa 6000 tra Focus e Fusion) che potrebbero rompersi e potenzialmente bruciare.