Achab, specializzata nella distribuzione di soluzioni software a valore, ha annuncia la terza edizione del proprio MSP Day, la giornata dedicata ai Managed Service Provider italiani e focalizzata sui servizi IT per il business.

A differenza delle precedenti edizioni, quest’anno MSP Day sarà completamente online e si svolgerà nel corso di due giornate, interamente dedicate a chi si occupa di mantenere in salute l’IT delle aziende italiane: sessioni plenarie, sessioni parallele e tante opportunità di confronto virtuale il 18 e 19 giugno 2020.

Si parte dunque il 18 giugno con i saluti di Daria Trespidi, Chief Operation Officer di Achab per proseguire con Giancarlo Calzetta che fa il punto della situazione sull’evoluzione degli MSP, “da rivenditore negletto e spericolato esploratore”. Via poi alle sessioni parallele da Webroot a Auvik per finire con WatchGuard.

MSP Day 2020

Dan Scott, Innovation & Systems Director di Complete I.T. parlerà di come aumentare i ricavi ricorrenti, potenziare l’attività e diventare un vero consulente di fiducia per i clienti, prima di altre sessioni parallele e tavoli tematici (tra ReeVo, Timenet e George Bronten, B2B Sales Effectiveness Pioneer e Founder di Upstream e Membrain.com.

MSP Day è l’evento italiano dedicato a chi eroga servizi IT gestiti, gli MSP (Managed Service Provider), o a chi sta pensando di passare dalla rivendita di prodotti alla fornitura di servizi gestiti. «Offrendo servizi IT gestiti e non più prodotti e ore di supporto, un MSP ottiene buoni margini ricorrenti, reti funzionanti e clienti informati con precisione su quello che ottengono e a quale cifra. Vantaggi evidenti per tutti grazie a un modello che sta diventando uno standard, tagliando fuori dal mercato tutti coloro che non saranno in grado di capirlo e interpretarlo» spiega Achab.

Nonostante l’impossibilità di offrire un evento fisico, rimane intatto l’obiettivo di MSP Day di mettere in contatto i Managed Service Provider italiani per creare business e networking. Sarà anche interessante dare un occhio ai nuovi numeri che riguardano il panorama nazionale, dopo che nel 2019 forte era stata la crescita, in termini di fatturato, degli MSP nostrani. C’è da prevedere una certa flessione dovuta ai mesi di lockdown, nonostante la forte richiesta di alcune soluzioni strettamente connesse allo smart working, come VoIP, VPN e antivirus.