domenica 17 dicembre 2017 10:07

TORINO – Ancora panchina. Ancora una volta la Juventus senza Dybala titolare. Allegri sceglie la continuità e oggi a Bologna terrà fuori dall’undici di partenza l’argentino triste. Dopo la bocciatura con l’Inter, il numero 10 resterà ancora a guardare i compagni, almeno all’inizio. E chissà se avrà l’occasione di invertire la rotta, con una giocata delle sue, entrando a gara in corso. Serve una scintilla a Paulo per scrollarsi di dosso le inquietudini delle ultime settimane. Che sono state difficili, a dire poco. Non è il vero Dybala, la sua stella non brilla più e la Joya soffre. Sotto i riflettori non per i gol e le prestazioni sublimi, come a inizio stagione, ma per il rendimento che, al momento, è sotto le attese.

TUNNEL – Dove è finito il giocatore che ha incantato tutti all’alba della stagione e che ora sembra essersi perso? Lo ricordiamo tutti: 12 gol nelle prime otto partite, soltanto 2 nelle successive 15. Ma non è soltanto il bilancio delle reti che è finito in rosso. Paulo non riesce più ad essere decisivo, ad essere determinante con un dribbling, un’accelerazione, uno strappo in velocità. La gamba non è più brillante, la condizione precaria: le due trasferte con l’Argentina hanno influito in negativo. Ma non è soltanto questa la causa dell’appannamento. A livello sentimentale c’è stata qualche nuvola, che ora sembra aver lasciato spazio nuovamente al sereno, dopo la ricucitura, a quanto sostiene chi gli sta accanto, con la fidanzata Antonella.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DELLO SPORT-STADIO IN EDICOLA