• 5 Ottobre 2022 22:58

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Wind-3 Italia ha l’ok Antitrust, mentre Iliad suda freddo

Ott 25, 2016

Mentre Wind e 3 Italia ricevono il parere positivo sulla fusione da parte dell’Antitrust, la francese Iliad si prepara a un inatteso salasso per entrare nel mercato italiano. Il mercato TLC è in subbuglio: tantissime le novità che ci attendono nei prossimi 12 mesi.

Prima di tutto il nuovo gruppo H3g e Wind, che dopo l’ok dell’Antitrust europeoriceve anche quello italiano. L’AGCM ha confermato che le “società partecipanti all’operazione non conseguono ricavi nel settore delle comunicazioni elettroniche superiori al 40% dei ricavi complessivi del settore”, quindi non è prevista alcuna istruttoria o ulteriore approfondimento.

tlc2tlc2

Ad oggi non si conosce ancora la strategia che i due operatori vorranno adottare. Forse ci sarà un unico marchio e anche sulle politiche commerciali il silenzio è assoluto. L’unica certezza è che la fusione strutturale avrà inizio entro la fine dell’anno e l’operatività dovrebbe essere prevista per il 2017.

L’Antitrust UE aveva posto come unico vincolo la cessione di una parte di asset legata a frequenze e infrastrutture per consentire la nascita di un nuovo operatore. Com’è risaputo Iliad è giunta a un accordo con Wind-3 e Italia staccando un assegno da 450 milioni di euro. Il problema è che l’ultima Legge di Bilancio prevede per gli operatori un versamento anticipato per il rinnovo delle frequenze.

La Commissione UE ha stabilito un riordino dello spettro entro il 2029. Quelle a 900 MHz e 1800 MHz scadono a giugno 2018 e quindi il Governo ha deciso di approfittarne richiedendo un anticipo forfettario per le concessioni. Telecom Italia e Vodafone dovranno versare rispettivamente 550 milioni di euro, mentre Wind-3 circa 350 milioni e Iliad tra i 250 e i 300 milioni.

I francesi si erano accordati con Wind-3 per un pagamento dilazionato nei prossimi 3 anni dei 200 milioni di concessione previsti, ma nessuno aveva calcolato l’aumento di 100 milioni indicato dalla manovra.

“Il rinnovo delle concessioni attualmente in mano a Telecom, Vodafone, Wind e 3, potrebbe servire a impedire l’ingresso di nuovi operatori e potrebbe influenzare direttamente anche la fusione tra Wind e 3”, sostiene Merrill Lynch.

Free Mobile (Iliad) comunque dovrebbe sbarcare in Italia con offerte concorreziali la prossima estate.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close