• 12 Aprile 2024 15:24

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Wall Street termina la settimana in lieve rialzo 

Mar 24, 2023

AGI –  Wall Street ha chiuso in rialzo, in una giornata volatile, alterata dal crollo delle azioni di Deutsche Bank, che ha ravvivato le preoccupazioni per il settore bancario e i timori di recessione.

Alla chiusura delle contrattazioni, il Dow Jones ha guadagnato lo 0,41% a 32.237,53, lo S&P 500 è salito dello 0,56% a 3.970,99 punti e il Nasdaq, in cui sono quotate le principali società tecnologiche, ha registrato +0,31% a 11.823,96 punti.

Il mercato azionario di New York ha terminato la settimana in rialzo, anche se ha iniziato la giornata di oggi in rosso dopo le turbolenze causate nei mercati azionari europei dalla debacle del colosso finanziario tedesco. Questo shock inaspettato in Europa, arriva quando Wall Street sembra essersi lasciata alle spalle la tempesta che ha imperversato negli Stati Uniti nelle ultime due settimane, prendendo d’assalto la Silicon Valley e le banche di prestigio.

La banca First Republic, la più colpita dalla crisi finanziaria degli ultimi giorni e salvata dalle grandi banche con un’iniezione di 30.000 milioni di dollari (27.900 milioni di euro al cambio odierno), ha visto le sue azioni svalutarsi questa mattina di quasi il 5% e ha chiuso a -1,36%.

Credite Suisse e Deutsche Bank mal gestite 

L’analista Larry McDonald, fondatore del rapporto Bear Trap, ha dichiarato alla Cnbc che il calo delle azioni della Deutsche Bank e, prima ancora, di Credit Suisse, è dovuto al fatto che gli investitori non si erano accorti della loro cattiva gestione fino alla crisi scatenata dalla banca della Silicon Valley.

“Banche come Credit Suisse e Deutsche Bank sono state gestite in modo orribile per decenni, e stiamo parlando di una gestione davvero scadente e all’improvviso gli investitori di tutto il mondo si stanno concentrando su questo”, ha detto McDonald.

A Wall Street la maggior parte dei settori ha chiuso in verde, guidati dai servizi di pubblica utilità (3,12%), dall’immobiliare (2,57%) e dai beni essenziali (1,63%), mentre hanno perso terreno solo i beni non essenziali (-0,35%) e i finanziari (-0,06%).

Tra i 30 titoli del Dow Jones hanno prevalso i guadagni, tra cui Amgen (2,11%), P&G (2,07%) e Coca-Cola (1,64%), rispetto alle perdite di Disney (-1,82%), American Express (-1,81%) e JpMorgan (-1,51%).

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close