• 25 Settembre 2022 19:15

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Un top manager su 2 ha scelto l’automazione per fronteggiare la crisi

Set 21, 2022

AGI – Per fronteggiare l’instabilità delle catene di approvvigionamento (in gergo tecnico supply chain) e migliorare la sostenibilità delle industrie produttive, quasi un Chief Supply Chain Officer (il top manager che in un’azienda si occupa della supply chain, anche CSCO) su due (il 47%) ha dichiarato di aver introdotto nuove tecnologie di automazione negli ultimi due anni.

È quanto emerge da uno studio dell’IBM Institute for Business Value, che ha intervistato 1500 tra Chief Supply Chain Officer e Chief Operating Officer (il COO è il responsabile della gestione operativa di un’impresa) di 35 Paesi e 24 settori industriali. In particolare dall’analisi è emerso che queste figure manageriali hanno dichiarato di aver scelto l’automazione perché è un approccio che può aggiungere prevedibilità, flessibilità e intelligenza alle operazioni della supply chain, e di utilizzare l’Intelligenza Artificiale per monitorare e tracciare le prestazioni.

Secondo il rapporto inoltre 1 CSCO su 2 (il 52%) pone la sostenibilità in cima alla lista delle priorità di cambiamento per le quali l’infrastruttura tecnologica può fornire una spinta concreta. Il 50% dichiara che i propri investimenti in sostenibilità accelereranno la crescita aziendale. È risultato dalle dichiarazioni degli stessi manager poi che le pressioni più dirette verso la trasparenza della sostenibilità provengono da: investitori (56%), membri del consiglio di amministrazione (50%) e clienti (50%). 

Lo studio prende anche in considerazione gli “innovatori”, che si sono distinti per la capacità di accelerare l’innovazione (20% degli intervistati) e che hanno già esperienza dei benefici di tecnologie come AI e automazione. Questo gruppo, secondo i dati, sta già superando i colleghi su parametri chiave tra cui una crescita del fatturato annuo superiore dell’11%.

I parametri sono: l’integrazione di flussi di lavoro automatizzati tra le funzioni organizzative e con i loro partner per ottenere visibilità, approfondimenti e azioni in tempo reale (il 95% in più rispetto agli altri CSCO). La modernizzazione della loro infrastruttura tecnologica: il 56% opera attualmente su cloud ibrido e il 60% sta investendo in infrastrutture digitali per scalare e fornire valore. L’ampliamento delle loro iniziative di sostenibilità, creando nuovi prodotti e servizi. Il 58% vede l’opportunità di migliorare il coinvolgimento dei clienti attraverso gli imperativi di sostenibilità. E infine una dichiarata maggiore attenzione alla cybersecurity (quasi il 20% in più rispetto agli altri CSCO).

“Per combattere efficacemente i fattori di stress senza precedenti della supply chain, come l’inflazione, è imperativo che i CSCO si concentrino sull’attuazione di iniziative di analytics, AI e automazione per costruire supply chain intelligenti, resilienti e sostenibili” ha dichiarato Jonathan Wright, IBM Consulting Global Managing Partner, Sustainability Services and Global Business Transformation. “Automazione e AI possono consentire ai CSCO e alle loro organizzazioni di raccogliere dati, identificare i rischi, convalidare la documentazione e fornire audit trail, anche in periodi di forte inflazione, contribuendo nel frattempo alla gestione dei rifiuti e dei consumi di carbone, energia e acqua”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close