• 29 Luglio 2021 2:18

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Terremoto di magnitudo 6.0 devasta il Centro Italia. Bilancio provvisorio, almeno 73 morti

Ago 24, 2016

Hanno provocato almeno una decina di morti e molti feriti le tre violente scosse di terremoto avvenute nella notte nel Centro Italia: di magnitudo 6, 5.4 e 5.1. La prima e pi forte (magnitudo 6) avvenuta alle 3:36. Ha avuto epicentro a due chilometri da Accumoli (Rieti) e dieci chilometri da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) ed Amatrice (Rieti).

Infodata / La mappa dei terremoti in Italia dal 2005

L’ipocentro stato a soli 4 km di profondit. La seconda e terza scossa sono state registrate alle 4:32 e 4:33. Hanno avuto epicentro in prossimit di Norcia (Perugia), Castelsantangelo sul Nera (Macerata) e Arquata del Tronto (Ascoli Piceno). Gli ipocentri sono stati tra gli 8 e i 9 km. Oltre cinquanta le repliche di magnitudo superiore a 2, cinque delle quali di magnitudo 4 o superiore.

Paragonabile al sisma dell’Aquila

Il terremoto di oggi nell’Italia centrale paragonabile, per intensit, a quello dell’Aquila, ha detto il capo del Dipartimento Protezione Civile Fabrizio

Curcio. I comuni colpiti in maniera pi grave sono Amatrice e Accumoli, ha detto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a Rainews 24. Siamo in costante contatto con i soccorritori, sono comuni di montagna anche difficili da raggiungere.

Il bilancio delle vittime

Tre persone sono morte nel crollo parziale di una casa ad Amatrice. Lo ha detto il sacerdote Fabio Gammarota, che collabora ai soccorsi. I tre si aggiungono ad altri due morti estratti all’alba in una vicina zona del paese. un dramma: cos il sindaco del paesino in provincia di Rieti, Sergio Pirozzi, definisce la situazione. Ci sono persone sotto le macerie, un macello, ha aggiunto. I soccorritori poco fa hanno tuttavia salvato un uomo tra le macerie di una casa completamente distrutta a Viale Francesco Grifoni, in pieno centro storico di Amatrice. Nello stesso fabbricato distrutto ci sarebbero altre sei persone che si sta tentando di recuperare, ma non si sa se sono vive o meno.

La mappa

Ci saranno almeno sei vittime. Ci sono anche due bambini piccoli. Cos il sindaco di Accumoli Stefano Petrucci, in merito al sisma che ha colpito il suo Comune. Una persona – conteggia il sindaco – stata estratta morta dalle macerie questa notte. Poi c’ una famiglia di quattro persone sotto una casa crollata, e qui purtroppo ci sono due bambini piccoli. Inoltre c’ un altro disperso. Mi auguro che i fatti mi smentiscano. La situazione drammatica –

afferma ancora il sindaco – Molte persone sotto certamente sotto le macerie, non riusciamo a quantificarle.

Altre due persone sono morte nel crollo della loro abitazione a Pescara del Tronto, una frazione di Arquata. Lo confermano i carabinieri. Si tratterebbe di una coppia di anziani coniugi, deceduti nello stesso crollo. Il sisma ha raso al suolo il paesino. Sul posto sono al lavoro i Vigili del fuoco, il 118 e la Protezione civile. Insieme ad Arquata del Tronto, il borgo uno dei centri che ha riportato maggiori danni nelle Marche.

Nessun danno alle basiliche di Assisi

Nessun danno ad Assisi per le Basiliche di San Francesco per il forte terremoto avvertito anche nella citt umbra. Lo ha detto padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del Sacro Convento. La scossa ha svegliato l’intera comunit francescana. I frati e il capo restauratore Sergio Fusetti si sono subito recati nella Basilica superiore e in quella Inferiore per verificare la situazione. Al momento non risultano danni ma le verifiche proseguiranno nelle prossime ore.

Mobilitato l’esercito

stato mobilitato l’Esercito per far fronte all’emergenza terremoto. Una componente delsesto reggimento Genio di Roma, con mezzi speciali, partita verso le zone colpite dal sisma. Squadre della scuola interforze Nbc di Roma sono gi in prefettura, a disposizione delle autorit , insieme a un ufficiale di collegamento.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close