• 18 Giugno 2024 13:51

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Terremoto: cosa fare se ci coglie mentre siamo alla guida

Ott 31, 2016
Terremoto: cosa fare se ci coglie mentre siamo alla guida

Sono ore difficili quelle che stanno vivendo gli abitanti del Centro Italia, in seguito alla forte scossa di terremoto di magnitudo 6.5 registrata il 30 ottobre alle 7:40. Ma se una scossa di terremoto dovesse cogliere di sorpresa mentre si è alla guida, come bisognerebbe comportarsi? Ecco di seguito qualche consiglio utile al riguardo, che arriva direttamente da uno studio del Phivolcs (Philippine Institute of Volcanology and Seismology).

Se il terremoto rientra entro i 5 gradi di magnitudo della scala Richter, alla guida di un’auto non si hanno sensazioni e percezioni dirette, ma se la magnitudo supera il quinto grado, si avverte l’auto “scivolare” come quando si buca uno pneumatico (quindi nel caso si avverta questa sensazione ma le spie nel cruscotto dell’auto non segnalano alcuna anomalia, potrebbe essere un primo indizio). In questo caso l’istituto che ha effettuato lo studio raccomanda di non farsi prendere dal panico, perché reazioni incontrollate potrebbero creare conseguenze molto gravi proprio in virtù del fatto che si è alla guida di un’auto in movimento e, magari, in mezzo al traffico.


Avvertita la scossa, sarebbe necessario cercare di accostare l’auto a bordo della strada con prudenza e in condizioni di sicurezza, spegnendo il motore e tirando il freno a mano, aspettando il termine delle scosse. È necessario prestare attenzione, allo stesso tempo, a porsi in un punto lontano dalla possibile caduta di alberi, cartelli stradali, pali e cartelli pubblicitari, ma anche a non ingombrare la carreggiata in un punto dove potrebbero passare eventuali mezzi di soccorso.

Inoltre, sarebbe utile tenere accesa e sintonizzata la radio sulle frequenze di informazione, dove poter ascoltare le prime informazioni sull’accaduto e magari aggiornamenti sulla viabilità. Una volta terminata la scossa, si può uscire dall’auto e cercare di portarsi in luoghi riparati che, si sa, sono quelli più aperti, lontani da infrastrutture.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close