• 18 Luglio 2024 5:59

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Piazza San Carlo, arrivano gli avvisi di garanzia per la tragica notte di Champions

Nov 3, 2017

venerdì 3 novembre 2017 10:03

TORINO – Svolta nelle indagini su piazza San Carlo. A cinque mesi dalla tragica notte in cui durante la proiezione su maxi schermo della finale Champions una serie di ondate di panico provocò oltre 1.500 feriti e la morte di una donna, la procura di Torino si prepara a notificare una ventina di avvisi di chiusura indagini. La notizia trova conferme sulle testate online di alcuni quotidiani. L’atto che la procura subalpina starebbe per notificare coinvolgerebbe alcune figure di vertice della città, oltre a funzionari e dirigenti degli enti coinvolti nell’organizzazione dell’evento.

Terrore a Torino

L’inchiesta, coordinata dal procuratore Armando Spataro e dai pubblici ministeri Antonio Rinaudo e Vincenzo Pacile, procede lungo due direttrici: da una parte si cerca di capire che cosa abbia spaventato gli spettatori, dall’altra si lavora su eventuali lacune organizzative e gestionali della manifestazione. Le ipotesi di lavoro sono le lesioni gravissime e l’omicidio colposo in relazione all’articolo 40 del codice penale, che punisce le condotte omissive di chi doveva evitare l’evento dannoso. Sono circa duecento le persone ascoltate in questi mesi come testimoni da polizia e magistratura, che hanno raccolto numerosi documenti e verbali. Per ora nel registro degli indagati erano stati iscritti i nomi di presidente e direttore di Turismo Torino, ente organizzatore della serata, Maurizio Montagnese e Danilo Bessone. E per effetto delle numerose querele, come atto dovuto, quello della sindaca Chiara Appendino.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close