• 17 Settembre 2021 2:42

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Ferrari, James Allison lascia la direzione tecnica a Mattia Binotto

Lug 29, 2016

successo l’inevitabile: da oggi Ferrari assegna il ruolo di Chief Technical Officer a Mattia Binotto, un ingegnere italo-svizzero conosciuto da tutti come l’esperto, e poi con gli anni diventato responsabile, di tutto il reparto motori della Scuderia Ferrari.

Un valido elemento con esperienza ventennale a Maranello, sul quale grava una responsabilit enorme. Una gran bella promozione per lui che, tuttavia, arriva a causa di una riorganizzazione spinosa in un momento terribilmente critico.

Una successione comunque attesa, che era nell’aria da mesi: la voce di una possibile uscita dal team del direttore tecnico James Allison stava rimbalzando nel paddock e sui media gi dopo la tragica notizia privata che l’ha colpito lo scorso marzo, quando sua moglie scomparsa improvvisamente a 46 anni per meningite fulminante al rientro dal Gran Premio d’Australia, lasciando, oltre al marito, tre figli.

Tuttavia, al di l di indiscutibilmente accettabili motivi personali, quando si tratta di Ferrari, e in particolare in un periodo di scarse prestazioni, le speculazioni non tardano ad arrivare. sotto gli occhi di tutto che la prima met di stagione di Formula 1 sia trascorsa senza i risultati sperati. Pesano gli anni dall’ultimo titolo in rosso, quello di Raikkonen, e pesa il fatto di non aver mai superato le Mercedes e di non aver colto l’occasione per vincere un gran premio neanche quando le stelle d’argento si sono escluse a vicenda, dando invece spazio al giovane e promettente diciottenne olandese della Red Bull, Max Verstappen.

Dopo una prima volta ai tempi d’oro di Schumacher e un ritorno dopo essere stato il mago dell’aerodinamica in Lotus che aveva reso “gentili” come nessun’altra le monoposto di Enstone con le gomme, adesso per Allison questo sembra un divorzio definitivo. Con onore, esternamente, ma anche con tanta rabbia dentro per non aver forse potuto fare veramente il lavoro che voleva e sapeva fare. Non si pu escludere infatti che una decisione del genere a met stagione non sia anche riconducibile alla sempre pi pressante presenza di Marchionne all’interno dei processi decisionali a Maranello. Un fatto che a un super tecnico del valore di Allison probabilmente non andava gi e cos, da ambo le parti, si optato per una risoluzione consensuale e amichevole. Che per non risolve i problemi della Ferrari, non certo nel breve termine.

Anzi, il momento sembra tutto fuor che azzeccato. Con questa tempistica si d prova definitiva di tirare i remi in barca per il 2016. E se questo pu essere accettato anche dai tifosi, seppure di malavoglia, resta apparentemente inspiegabile agli addetti ai lavori, pensando alla difficile transizione che i team stanno affrontando verso i regolamenti 2017, dove le auto cambieranno radicalmente. Pi cavalli, pi impronta a terra e tanto carico aerodinamico aggiunto: proprio la materia in cui le competenze di Allison eccellevano e delle quali, con ogni probabilit, si avvantagger presto un team con sede nel Regno Unito.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close