• 1 Luglio 2022 10:56

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Spotify, un bug mette a rischio l’hard disk – Emerge il Futuro

Nov 14, 2016
Scienza e Tecnologia

1

14 novembre 2016
604 Visualizzazioni
0 Commenti
2 minutes read
Spotify, un bug mette a rischio l’hard disk

Anche in un universo informatico che ha reso virtuale ogni raccolta dati e ogni archiviazione di informazione, il funzionamento dei comuni personal computer continua a far leva sul fatto che esista all’interno del dispositivo uno spazio prettamente fisico, sia esso di tipo magnetico oppure flash, all’interno del quale i dati vengono costantemente scritti ed elaborati pere garantire il funzionamento del computer.

Oltre alle minacce connesse con i furti di informazioni sensibili condotti lungo terreni impalpabili, l’utente deve sempre prestare attenzione alla salvaguardia del proprio hard disk e controllare periodicamente che la quantità di spazio occupata dai suoi dati non risulti abnorme o sproporzionata rispetto alle operazioni compiute e che nessun bug presente nelle applicazioni online si sia tradotto in un danno a quel cuore “fisico” dal quale tutto dipende.

spotifylharddisk_emergeilfuturo

A tal proposito, alcuni utenti di Spotify hanno recentemente scoperto l’esistenza di un colossale bug che consente all’applicazione di caricare una quantità spropositata di dati, pari a circa 100 GB, all’interno della memoria Ssd, rallentandone il funzionamento, sottraendo spazio alle sue funzioni vitali e mettendo a rischio al salvaguardia dell’intero sistema, alle prese con la necessità di dover elaborare una lunga serie di informazioni palesemente inutili o nocive.

Mentre il fruitore si trova in fase di ascolto della musica offerta dal popolare servizio, pare infatti che il programma si trovi a sovrascrivere, in maniera del tutto accidentale (si spera), i dati presenti sull’hard disk con una velocità fuori dal comune e che una giornata trascorsa ad ascoltare album su Spotify si traduca nella genesi di un quantitativo di dati presenti nella memoria difficile da eliminare mediante il ricorso a sistemi manuali di pulizia.

Riscontrato tanto su Windows quanto su Osx e Linux, il problema andrebbe ad investire circa 40 milioni di utenti in tutto il mondo e si troverebbe ora al vaglio della società produttrice, desiderosa di non perdere la faccia e i clienti per via di quello stretto spazio fisco che continua a rappresentare il cuore pulsante delle operazioni, anche in universo ormai convertito alla dimensione del virtuale e ai vari sistemi di clouding online.

Altri post che ti potrebbero interessare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close