• 17 Aprile 2024 19:07

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Simone Baldini è Cavaliere della Repubblica. In sedia a rotelle aiutò a spalare fango

Feb 24, 2024

AGI – Un angelo del fango in sedia a rotelle: al 42enne Simone Baldini, uno dei trenta eroi insigniti dal presidente Sergio Mattarella del titolo di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana come esempio presente nella società civile, è stata riconosciuta “l’immediata disponibilità offerta alle popolazioni alluvionate dell’Emilia Romagna” nel maggio 2023. ‘Iron Baldo’, come è soprannominato, è originario di Roma ma risiede a San Marino e vive e lavora a Pesaro. Dal 1997 è in sedia a rotelle a causa di un virus al midollo spinale. La sua storia era diventata virale in quei giorni difficili quando, armato di pala, aiutò gli altri volontari a spalare dal fango le strade delle città romagnole. Le foto e i video che lo ritraevano in azione divennero un emblema di coraggio e resilienza di fronte a una tragedia immane: “Non mi sento un eroe”, raccontò al Resto del Carlino, “ma se quell’immagine può essere di stimolo e spronare tanti altri a fare i volontari, e se può contribuire, almeno in minima parte, a risollevare il morale delle migliaia di persone colpite dall’alluvione, allora ben venga”. Simone, che prima della disabilità praticava calcio e nuoto e andava in bici, dopo la malattia ha scelto di cimentarsi negli sport paralimpici, vincendo gare di handbike, un titolo europeo di triathlon e il canottaggio con cui è andato vicino a qualificarsi per Tokyo 2020. “E’ stata dura, ma ho reagito”, ha raccontato della sua disabilità. 

AGI – Un angelo del fango in sedia a rotelle: al 42enne Simone Baldini, uno dei trenta eroi insigniti dal presidente Sergio Mattarella del titolo di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana come esempio presente nella società civile, è stata riconosciuta “l’immediata disponibilità offerta alle popolazioni alluvionate dell’Emilia Romagna” nel maggio 2023. ‘Iron Baldo’, come è soprannominato, è originario di Roma ma risiede a San Marino e vive e lavora a Pesaro. Dal 1997 è in sedia a rotelle a causa di un virus al midollo spinale. La sua storia era diventata virale in quei giorni difficili quando, armato di pala, aiutò gli altri volontari a spalare dal fango le strade delle città romagnole. Le foto e i video che lo ritraevano in azione divennero un emblema di coraggio e resilienza di fronte a una tragedia immane: “Non mi sento un eroe”, raccontò al Resto del Carlino, “ma se quell’immagine può essere di stimolo e spronare tanti altri a fare i volontari, e se può contribuire, almeno in minima parte, a risollevare il morale delle migliaia di persone colpite dall’alluvione, allora ben venga”. Simone, che prima della disabilità praticava calcio e nuoto e andava in bici, dopo la malattia ha scelto di cimentarsi negli sport paralimpici, vincendo gare di handbike, un titolo europeo di triathlon e il canottaggio con cui è andato vicino a qualificarsi per Tokyo 2020. “E’ stata dura, ma ho reagito”, ha raccontato della sua disabilità. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close