• 3 Dicembre 2021 15:13

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Scoperto il «gemello» della Terra più vicino in assoluto

Ago 24, 2016

Abbiamo un nuovo vicino di casa, un pianeta molto simile alla nostra Terra, vicinissimo a noi: gira infatti attorno alla stella Proxima Centauri, che, come ci dice il nome latino, la pi vicina a noi, nella costellazione del Centauro. Solo poco pi di 4 anni luce ci separano da questa stella, un soffio per le distanze astronomiche se pensiamo che la nostra Galassia, coi suoi 100 miliardi di stelle, si espande per 1000.00 anni luce mentre l’universo a noi visibile ne misura almeno 13.3 miliardi.

Viaggio virtuale alla stella Proxima Centauri

Il nuovo pianeta, chiamato per il momento Proxima b, veramente eccezionale: di tipo terrestre, ossia solido, la sua massa 1.3 volte quella della Terra, solo il 30% in pi insomma, ruota attorno alla sua stella di riferimento in soli 11 giorni e poco pi, l’anno di Proxima b dura quindi meno di due delle nostre settimane. Inoltre, importantissimo, sta in quella zona attorno alla sua stella che gli scienziati chiamano Goldilocks, in cui possibile la presenza di acqua liquida e di condizioni potenzialmente favorevoli alla presenza di vita. In parole pi semplici abbastanza lontano dalla sua stella madre per non essere bruciato dal suo calore ed per abbastanza vicino da non essere in zone troppo fredde. Se mettiamo tutte queste caratteristiche assieme al fatto che dietro l’angolo l’importanza, non solo astronomica, della scoperta chiara.

Il tutto stato illustrato in una conferenza stampa presso il quartier generale dell’Osservatorio astronomico europeo, Eso, vicino a Monaco di Baviera. Il primo ricercatore del nutrito team di scienziati, soprattutto europei, autori della scoperta, Guillem Anglada-Escud (Queen Mary University of London), ha illustrato i risultati della lunga ricerca, pubblicati giusto in queste ora in tre diversi lavori sulla rivista Nature. Come ogni scoperta importante i risultati derivano anche da ricerche precedenti che avevano messo gli astrofisici sulla pista giusta, dopo anche qualche falsa partenza. Il telescopio utilizzato, 60 notti di difficili misure in quasi 5 anni, quello europeo da 3.6 metri di apertura, posto in Cile sulle Ande, localit La Silla, che specializzato con strumenti capaci di misurare le velocit di rotazione, avvicinamento o allontanamento delle stelle, uno dei metodi con cui ti scoprono pianeti al di fuori del nostro striminzito sistema solare.

Immagine reale delle tre stelle che formano il complesso di Alfa del Centauro. Proxima la stella pi piccola, non visibile ad occhio nudo, una “nana rossa”

E in effetti stato trovato proprio cos, misurando con infinita pazienza e meticolosit le variazioni osservate nella stella Proxima del Centauro, con la strumentazione pi raffinata di cui ora gli europei sono in possesso. Questa mostra costantemente di avvicinarsi alla velocit di 5 chilometri all’ora per poi di allontanarsi con la stessa velocit. Se pensiamo che , tutto sommato, la velocit di chi cammina di buona lena, ci rendiamo conto dei livelli di precisione raggiunti dalla strumentazione astronomica. Per arrivare a capire che l’effetto era dovuto a un pianeta che girava attorno a Proxima Centauri e determinarne le caratteristiche, ci sono voluti molti anni, cinque: infatti necessario eliminare tutte le altre ragioni che potrebbero dare luogo a questo effetto.

Questo nuovo pianeta gira molto vicino alla sua stella, a soli 7 milioni di chilometri attorno a Proxima, che una piccola e fredda stella rossa, soprannominata un “pallido pallino rosso”, a soli 2800 gradi, e potenzialmente pu avere acqua liquida in superfice, almeno nelle zone equatoriali.

Ovviamente ora inizia il sogno: molto vicino a noi – anzi pi vicino di cos impossibile – nella zona di abitabilit e probabilmente con acqua liquida alla superficie, il tutto garantito da tre seri studi pubblicati sulla rivista pi influente del pianeta. Ci siamo vien da dire: lui il nostro gemello ed l che potremmo andare colonizzandolo.

La stelal Proxima Centauri piccola, qui vediamo le sue dimensioni in confronto con altre stelle familiari, fra cui il nostro sole, che anch’esso di dimensioni modeste rispetto alla media.

Non pare cos purtroppo, infatti a parte dettagli molto importanti come per esempio il fatto che dal pianeta la stella di riferimento si vedrebbe come un sole grande almeno 5 volte il nostro, data la vicinanza, tanto per dare l’idea noi stiamo a 150 milioni di chilometri dal sole, si vedrebbero bene anche le altre due stelle che formano il Tripletta del Centauro, a noi vicino.

Il problema vero per la vita, per, un altro, e qui muoiono i facili entusiasmi: il punto che la stella madre Proxima Centauri una stella bizzosa e data la vicinanza le radiazioni ultraviolette, il vento solare e soprattutto le eruzioni di gas e materia dalla stella spazzerebbero via qualunque forma di vita. Questo almeno sulla carta, per analisi pi approfondite potrebbero darci qualche speranza in pi.

Seconda cosa: come arrivarci. Con i motori che abbiamo oggi sui razzi vettori che portano i satelliti in orbita e con tutti gli accorgimenti furbi che potremmo adottare per arrivare a quella stella possiamo calcolare, migliaio pi migliaio meno, 100.000 anni: difficile quindi pensare di arrivarci con le tecnologie attuali. C’ per chi spera di arrivarci in 20 o massimo 40 anni, il miliardario russo Yuri Milner che, con la benedizione del famoso Stephen Hawking, ha messo sul tavolo 100 milioni di dollari per trovare una tecnologia di spinta, probabilmente nucleare, che permetta a una astronave di arrivare a velocit dell’ordine del 10 o 20% quella della luce, ossia sui 50.000 chilometri al secondo: in questo modo si arriverebbe su Proxima b in una ventina d’anni.

Il pianeta Proxima b e la sua stella madre, Proxima Centauri (illustrazione)

Anche se conosciamo oramai almeno 4000 pianeti attorno a stelle vicine ma diverse dal nostro sole l’importanza di questo nuovo pianeta quasi terrestre sta tutta nella sua vicinanza. Ce lo conferma il presidente della Unione mondiale degli astrofisici, Iau, dalla sede di Parigi, l’italiano Piero Benvenuti: La conferma dell’esistenza di un pianeta che orbita attorno alla stella pi vicina a noi, Proxima Centauri, ha una rilevanza che va ben al di l del dato scientifico. Gli astronomi sono ormai convinti che la presenza di una serie di corpi orbitanti (pianeti, asteroidi e comete), sia una naturale conseguenza del processo di formazione di una nuova stella. Quindi la notizia di oggi, dal puro punto di vista scientifico, non una novit inattesa, ma per noi tutti affascinante sapere che proprio nei paraggi del nostro Sole, esiste un pianeta simile alla nostra Terra per dimensioni e per la possibile presenza di acqua. Dovremo sicuramente dare un nome adeguato a questo nostro “vicino di universo”.

La prossima volta potrebbe toccare agli italiani, noi infatti per accordo internazionale sorvegliamo l’emisfero Nord, con lo stesso strumento usato in Cile ma attaccato al nostro telescopio nazionale Galileo alle Isole Canarie. La nostra met campo ci riserver altrettante sorprese.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close