• 8 Ottobre 2022 0:26

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Saluto romano durante Israele-Italia, indagati 3 ultrà del Bari: a casa manganelli e riviste fasciste

Ott 11, 2016

BARI – Il 5 settembre scorso l’Italia giocava ad Haifa la prima partita per le qualificazione dei mondiali. Le squadre erano appena entrate in campo, le prime note dell’inno nazionale erano partite quando dal settore occupato dai tifosi azzurri si alzarono tre braccia verso l’alto: era un saluto fascista, proprio in Israele.

Si indignò tutta Europa, l’Italia del calcio raccolse l’ennesima figuraccia internazionale. Ora ci sono i nomi e i cognomi a cui indirizzare quella indignazione: i tre tifosi (P.G., T.F. e D.B.N.) erano baresi, ultras, un tempo nel direttorio della curva Nord del Bari, hanno dai 23 ai 25 anni. A casa loro al termine di una lunga indagine fatta con la direzione centrale della polizia di prevenzione per i risvolti internazionali, ha bussato la Digos di Bari per notificargli un avviso di garanzia per chi compie manifestazione di razzismo

negli stadi.

Sono stati sequestrati un manganello telescopico, una mazza da baseball e varia pubblicistica riconducibile all’ideologia nazi-fascista, oltre al tagliando di ingresso allo stadio di Haifa come documento della colpevolezza. Due di loro erano già sottoposti a Daspo in Italia, ma incredibilmente potevano comprare biglietti per partite all’estero. Il questore di Bari ha disposto ora il divieto, allargandolo anche al terzo indagato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close