• 21 Giugno 2024 18:41

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Russia e Cina unite da un mega gasdotto

Mar 22, 2023

AGI – Non solo petrolio, ma anche – e soprattutto – gas. Vladimir Putin e Xi Jinping hanno raggiunto un accordo sul gigantesco progetto del gasdotto Siberian Force 2, simbolo della volontà di Mosca di reindirizzare la propria economia verso l’Asia a fronte delle sanzioni internazionali. “Tutti gli accordi sono stati conclusi” per l’attuazione del progetto Siberian Force 2, ha affermato Putin dopo le discussioni tra le delegazioni russa e cinese al Cremlino.

“Al momento della messa in servizio”, ha detto, “50 miliardi di metri cubi di gas” passeranno attraverso questo gasdotto lungo 2.600 chilometri che collegherà la Siberia allo Xinjiang cinese (nord-ovest), attraverso le steppe della Mongolia. Il leader russo, però, non ha fornito dettagli sui tempi del progetto, che deve completare un gasdotto già esistente, Siberian Force, che parte dall’estremo oriente russo. L’annuncio consentirà alla Russia di aumentare significativamente le sue consegne di gas alla Cina, in un momento in cui la sua economia deve allontanarsi dal mercato europeo dopo le sanzioni seguite all’invasione dell’Ucraina.

Le quantità previste di consegne a termine rappresentano quasi quanto il Nord Stream 1 (55 miliardi di metri cubi) prima della sua chiusura a seguito del sabotaggio nel settembre 2022. Obiettivo “entro il 2030”: consegnare complessivamente almeno 98 miliardi di metri cubi di gas e 100 milioni di tonnellate di gas naturale liquefatto (Lng) all’alleato cinese, ha promesso il leader russo. Vladimir Putin ha assicurato al suo omologo Xi Jinping che la Russia è stata in grado di soddisfare “la crescente domanda di energia della Cina”, mentre gli idrocarburi russi sono sanzionati in Occidente. Nella dichiarazione congiunta finale, i due presidenti hanno sottolineato la volontà di “perseguire una partnership ancora più stretta nel settore energetico”. 

Record di consegne di gas il lunedì

Il gigante statale russo Gazprom ha annunciato di aver battuto ieri il record di consegne giornaliere attraverso il gasdotto Siberian Force, che attualmente collega i giacimenti di gas nell’Estremo Oriente russo al nord-est della Cina. “Lunedì Gazprom ha stabilito un nuovo record storico per le forniture giornaliere di gas alla Cina”, ha dichiarato Gazprom in un comunicato, senza fornire cifre specifiche.

L’anno scorso, le consegne di gas attraverso Siberian Force alla Cina hanno raggiunto il massimo storico di 15,5 miliardi di metri cubi. Entro il 2025 Mosca intende moltiplicare per 2,5 le sue esportazioni attraverso questa infrastruttura, fino a 38 miliardi di metri cubi all’anno. Ben consapevole delle potenzialità di questo gasdotto, Vladimir Putin lo aveva definito domenica su un giornale come “l’affare del secolo”.

“Priorità” all’economia

Costretto a trovare nuovi mercati di sbocco per le materie prime russe, Vladimir non ha nascosto la volontà di fare della Cina il suo principale partner economico, a rischio, secondo alcuni osservatori, di diventare un vassallo di Pechino. “La cooperazione commerciale ed economica è una priorità nei rapporti tra Russia e Cina”, ha detto Putin, affermando di aspettarsi scambi che nel 2023 “supereranno la soglia” di 200 miliardi di dollari, che costituirebbe un nuovo record dopo quello del 2022 (185 miliardi).

Il leader del Cremlino si è detto anche “pronto a creare un organismo di lavoro congiunto per lo sviluppo della Rotta del Mare del Nord”, una delle rotte attraverso le acque ghiacciate dell’Artico, ora più facilmente navigabile a causa dello scioglimento dei gelati. Mosca si augura che questa rotta consenta alla fine di aumentare il trasporto di idrocarburi verso l’Asia, in particolare quelli prodotti nell’Artico russo, collegando gli oceani Atlantico, Pacifico e Artico. Vladimir Putin ha anche sottolineato l’importanza di sviluppare le infrastrutture ferroviarie tra Russia e Cina. E si è detto favorevole “all’uso dello yuan cinese negli insediamenti tra la Russia e paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina”, un altro modo per accelerare la de-dollarizzazione della sua economia e il perno della Russia verso l’Asia. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close