• 24 Febbraio 2024 23:26

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Russia, blocco totale di LinkedIn Il Cremlino: «Non è censura» – Corriere della Sera

Nov 17, 2016

Niente pi ricerche di lavoro e curriculum telematici per i cittadini russi su LinkedIn. Il Cremlino ha bandito la pi importante piattaforma professionale in tutto il Paese. Una decisione che era gi stata presa ad agosto dalla corte distrettuale di Mosca. Dopo mesi di negoziazioni, si passati all’azione, e la Roskomnadzor, l’autorit russa per le telecomunicazioni, ha disposto il blocco del sito. Rendendo LinkedIn il primo social network ad essere stato completamente oscurato in Russia. Il problema sono i server. Secondo una legge del luglio del 2014, i dati personali degli utenti devono essere conservati solo sul territorio nazionale. Regola non rispettata da LinkedIn. Per questo Dmitri Peskov, portavoce di Putin, ha sottolineato che non si tratta di censura. Secondo lui la Roskomnadzor agisce nello stretto limite della legge. Arrivano per anche i primi commenti dalle societ. La Sberbank, la prima banca russa, ha fatto sapere in una nota che il blocco complicher la ricerca del personale: Noi pensiamo che per un certo numero di posizione, lo scouting di candidati aumenter di 1-3 giorni, i costi cresceranno e potremo aver bisogno di utilizzare le agenzie pi spesso.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close