• 17 Maggio 2021 23:58

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Roma, terza polizza intestata a Raggi da Romeo. Giallo su una cassetta di sicurezza

Feb 16, 2017

Una cassetta di sicurezza e una terza polizza del valore di 8mila euro. Sono i due nuovi spunti su cui stanno lavorando i magistrati della Procura della Repubblica di Roma, nell’inchiesta sulla nomina di Salvatore Romeo a capo segreteria politica della sindaca M5S Virginia Raggi.

Gli elementi dell’inchiesta

Nel procedimento entrambi risultano indagati con l’accusa di concorso in abuso d’ufficio. La prima cittadina accusata di aver voluto creare un vantaggio patrimoniale a Romeo, passato ad agosto scorso – attraverso la presunta illecita applicazione del Testo unico degli enti locali – da dipendente comunale con contratto di 39mila euro annui a capo segreteria con 110mila, poi scesi a 93mila dopo l’intervento di Anac. Il procuratore aggiunto Paolo Ielo indaga sulla vicenda, e scopre che a gennaio 2016 Romeo sottoscrive due polizze del valore di 33mila euro, indicando come beneficiaria la Raggi. Nessun illecito, in quanto la sindaca quel denaro non pu percepirlo se non alla morte del titolare della assicurazione. Tuttavia la Procura ipotizza che quelle due polizze possano confermare l’ipotesi di abuso d’ufficio, in quanto sarebbero la dimostrazione di un rapporto stretto fra i due e, dunque, della successiva volont della Raggi di creare un vantaggio patrimoniale a Romeo.

La terza polizza e la cassetta

Arriviamo a gennaio di quest’anno. Quando la Raggi riceve l’avviso di garanzia ed citata dai magistrati per essere interrogata, si scopre un altro particolare: una terza polizza di Romeo in cui, ancora una volta, beneficiaria indicata la sindaca. Per quale motivo, dunque, l’ex capo segreteria ha fatto una nuova assicurazione coinvolgendo la Raggi in un momento cos delicato? Un particolare non di poco conto, sul quale il procuratore aggiunto Ielo vuole vederci chiaro. L’inchiesta, inoltre, si arricchisce di una nuova vicenda, relativa a una cassetta di sicurezza. Nel corso degli accertamenti patrimoniali gli inquirenti hanno scoperto l’esistenza di una cassetta collegata a un conto corrente intestato a Romeo. Gli investigatori hanno verificato che questa cassetta stata svuotata luned 19 dicembre, il primo giorno utile dopo l’arresto di Raffaele Marra, l’ex vice capo di gabinetto della Raggi al carcere di Regina Coeli da venerd 16 dicembre. Nel corso del suo verbale, Romeo ha dichiarato che la cassetta era in uso a una sua amica. Particolare confermato dalla donna che, tuttavia, non ha chiarito cosa ci fosse all’interno. Gli inquirenti, dunque, partono da queste due vicende per tentare di sciogliere il nodo che tiene uniti affari opachi della giunta M5S.

Marra a giudizio immediato

Intanto si avvicina il processo immediato per Raffaele Marra, nel procedimento in cui indagato di corruzione (per fatti del 2013). Per la Procura di Roma c’ evidenza della prova nell’accusa di corruzione di cui risponde l’ex vice capo di gabinetto. L’istanza al gip non stata ancora formulata. Tecnicamente il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il sostituto Barbara Zuin hanno altri 28 giorni per presentare la richiesta: il 17 marzo scadranno i termini di custodia in carcere per Marra, data ultima per chiedere l’immediato. Tuttavia gi nei prossimi giorni la Procura potrebbe stabilire di mandare alla sbarra degli imputati Marra, che risponde in concorso con l’imprenditore Sergio Scarpellini, l’immobiliarista reo confesso, che ai magistrati sta ricostruendo una rete di presunte relazioni illecite basate sulla corruzione. Un sistema in cui avrebbero avuto un ruolo politici ed anche ex della Banda della Magliana.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close