• 22 Giugno 2021 12:44

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Passare da iPhone ad Android, guida semplificata

Set 6, 2016

Come la mettiamo con i messaggi?

I tradizionali SMS continuano a funzionare come sempre, e se siete utenti Whatsapp (o simili) dovrete solo ripetere la registrazione sul nuovo telefono. Non potrete più usare la piattaforma iMessage, che è di Apple ed è dedicata solo ad iPhone, iPad e computer Mac. E per qualche tempo è possibile che i messaggi in arrivo da utenti iPhone non giungano al vostro telefono, fino a che il sistema non si aggiorna e “capisce” che non avete più un iPhone.

Depositphotos 71841623 l 2015Depositphotos 71841623 l 2015
Immagine: patronestaff per Depositphotos

Anche in questo caso, nessun cambiamento rilevante tranne quest’ultima piccola seccatura.

Perderò la mia musica?

No, anche qui nessun pericolo. Se usate Spotify o simili, basterà scaricare e accedere alla relativa applicazione. Stessa cosa se avete una collezione personale su Google Music, mentre se vi piace Apple Music, potrete usarla anche su Android.

Se la vostra collezione personale è su iTunes, andrà trasferita su Google Music e potrebbe volerci un po’ di tempo. La cosa più semplice è scaricare l’apposito programma fornito da Google (scaricatelo da questa pagina). In fase di installazione, impostatelo affinché copi la collezione di iTunes: potrebbe volerci molto tempo, anche delle settimane, se la collezione è molto grande e/o la linea in upload è lente. Ma a cose fatte la vostra collezione personale di musica sarà online a accessibile dallo smartphone in streaming (o in download) gratuitamente. Lo stesso servizio con Apple costa 25 euro l’anno.

Depositphotos 120506798 l 2015Depositphotos 120506798 l 2015
Immagine: NakoPhotography per Depositphotos

Se preferite la vecchia maniera, è anche possibile limitarsi a una copia locale, molto semplice visto che i file musicali di iTunes non hanno DRM. Basta prendere la cartella con la musica sul PC e spostarla dove più vi pare, oppure potete anche lasciarla dov’è in effetti. Usare iTunes con un telefono Android infatti è possibile, con qualche piccolo accorgimento.

Come faccio con le fotografie?

Anche in questo caso la soluzione migliore è il backup online. Se usate già Google Photo non dovete fare niente, e lo stesso vale per chi usa Dropbox, OneDrive o altri sistemi accessibili anche da Android. Se invece siete utenti di iCloud Drive dovrete prima scaricare le fotografie su un computer, e poi ricaricarle su uno dei servizi citati. Anche in questo caso la seccatura principale è il tempo necessario per completare l’operazione.

Se tenete la collezione di fotografie sul Mac o sul PC, in locale, non dovete fare assolutamente nulla, potrete continuare a usare il vostro sistema come avete sempre fatto. Basterà collegare il cavo dello smartphone e trasferire le fotografie, esattamente come si fa con un iPhone – anche se usate Foto su OX S.

E le belle foto che fa l’iPhone?

Stiamo parlando di Android top di gamma, vale a dire dei migliori smartphone che si trovino con il sistema operativo di Google. Questo significa che fanno fotografie belle quanto quelle dell’iPhone, come minimo; anzi, in effetti in molti casi sono meglio. Galaxy S7, LG G4 ed LG G5, Huawei P9 e tanti altri; tutti sono in grado di fare fotografie fantastiche senza nulla da invidiare all’iPhone di Apple.

Anzi, se il vostro interesse è la qualità fotografica prima di tutto è molto probabile che siate già passati ad Android da almeno un anno, forse anche di più.

Troverò tutte le applicazioni che voglio?

In questo caso la risposta è “quasi certamente sì”. Esistono alcune applicazioni che si trovano solo sull’App Store di Apple ma sono poche, e in molti casi esiste un’alternativa più che valida. Le vere eccezioni, app che ci sono solo su iOS e sono prive di un’alternativa soddisfacente, sono pochissime: Garage Band è probabilmente tra queste, quindi i musicisti forse vorranno restare con iPhone ancora per un po’.

Ci sarà TouchID?

L’accesso tramite impronta digitale su Android esiste, ma non si chiama TouchID. Non è presente su tutti gli smartphone in commercio, ma la si trova senz’altro su un top di gamma – vale a dire quei modelli più costosi che abbiamo preso oggi in considerazione.

È possibile che non siano presenti tutte le funzioni che siete abituati a usare, se per esempio ricorrete spesso ad Apple Pay – ma è poco probabile visto che questo servizio in Italia ancora non esiste ufficialmente, così come i servizi equivalenti proposti da altri.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close